Con la scusa di conoscerci meglio, vi proponiamo una raccolta di storie incredibili di vita vissuta nel mondo dei VG e del Nerdoverso.

Metal Gear Solid

Purtroppo sono stato costretto, per una serie di circostanze ad avere un’eperienza virtuale omosessuale con Otakon, l’ingegnere giapponese Otaku per eccellenza.
Durante il gioco, mi sono arreso alle torture di Ocelot e per colpa di questa mia “debolezza” Meryl venne uccisa…
…mi è dispiaciuto molto ma non ero riuscito a reggere lo stress per le sofferenze inflitte da quella macchina delle torture…
…a quel punto non avevo più la compagna e…probabilmente i programmatori hanno pensato di attribuire a Snake degli impulsi sessuali da ergastolano, comunque…alla fine si sa come vanno queste cose…la carne è debole…una cosa tira l’altra e alla fine sono scappato con il giovane ingegnere giapponese…

“Qualche tempo dopo…”

Otakon: "Oh Snake, sono proprio felice che Lord Casco non sia riuscito a resistere alla tortura..."

The Secrets Of Monkey Island

Capitan Catarro da (molto) giovane non sapeva che in The Secrets Of Monkey Island c’era la possibilità di eseguire un “salvataggio”. Probabilmente la possibilità di fermare il gioco in un determinato punto per poter poi ripartire da lì a piacimento per lui era  una cosa talmente prodigiosa che non si era neanche posto il problema ..fatto sta che si è trovato costretto a giocare per tre giorni di seguito per finire il gioco. Sono passati più di vent’anni ma ricordo ancora che di notte i suoi occhi rossi si vedevano anche al buio: le ulcere nelle cornee risplendevano come stelle infuocate. E’ perfino finito all’ospedale con una specie di attacco epilettico (e non sto scherzando). Me lo ricordo ancora mentre gli monitoravano l’attività cerebrale, con gli occhi pesti e gli elettrodi in testa, felice per aver finito il gioco.

Megafortress – Fight The Old Dog

Era il compleanno di un giovane MrChreddy e quale regalo migliore di un bel gioco per Amiga 500? E quale gioco migliore di uno dei primi veri simulatori di volo?
Quando MrChreddy aprì il pacchetto doviziosamente confezionato e si trovò tra le mani “Megafortress – Fight The Old Dog” lo stupore e l’eccitazione si dipinsero sul suo volto… eccitazione e stupore che si spensero all’apertura della scatola: 2 dischetti e un manuale, in italiano, di circa 80.000 pagine.
MrChreddy ci giocò… o almeno ci provò, si mise varie volte di buzzo buono a leggere l’enciclopedico manuale per far volare e andare in missione con quel B-52 modificato… la schermata di gioco era composta da una piccolissima finestrella rettangolare che mostrava l’esterno: una striscia nera contornata da una distesa verde, la striscia nera, diceva il manuale, era la pista di decollo. Intorno alla finestrella, cioè il 90% dello schermo di gioco, era grigio e pieno di comandi, levette bottoni, display con numerini. Ci si poteva girare nella cabina di comando, andando alle altre postazioni di controllo, che ovviamente non avevano finestrelle per la pista, ma solo pareti grige con bottoni, levette e numerini… un pomeriggio MrChreddy, dopo circa 4 ore, era riuscito a mettere in moto l’aereo seguendo dettagliatemente le istruzioni, dopo un’altra ora era riuscito a farlo rollare sulla pista per ben 300 metri prima che l’aereo si schiantasse esplodendo…
La scatola con Megafortress giace da 20 anni sul fondo dell’armadio di MrChreddy, ma ha detto che il regalo gli è piaciuto di brutto e appena ha 5 minuti ha giurato che ci giocherà…

Scritto da: Lord Casco

"Soffro la solitudine dei Numeri Pirla"