L.N.M. presents: I 3 Volti Del Terrore - Parte I Capita che un sabato mattina del 2004 ti alzi e non hai voglia di fare una mazza se non sbatterti sul divano e fargli prendere la forma del tuo corpo. E infatti sono lì sul divano a farmi depositare la polvere addosso, mentre gioco con la PS2, ma solo perché il pad era a portata di mano, che squilla il telefono. Purtroppo rispondo… E’ un mio amico, maledetto: “Oh, che fai oggi?” Io: “Niente…” Il Maledetto: “Oh, bella! E’ uscito un film che volevo vedere… “I Tre Volti del Terrore” di Stivaletti” Io, veloce appunto mentale: mai rispondere niente quando ti chiedono che fai oggi in un giorno che non hai voglia di fare una cippa di niente, “Ah, bene, dove lo fanno?” Il Maledetto: “Solo al Plinius!” Io, ignorando il campanello d’allarme fatto scattare dal fatto che lo fanno in un solo cinema in tutta Milano, “Ok, ci vediamo il primo spettacolo?” Il Maledetto: “Sì, a dopo…” Così, verso le 2 e 30 siamo fuori dal Plinius, prendiamo i biglietti e ci accomodiamo in sala in 3, il Maledetto, io e un altro tizio che evidentemente non aveva di meglio da fare. Tutti lì per vedere il film di Sergio Stivaletti. Per chi non lo sapesse Stivaletti è il Rick Baker de noartri, ossia un truccatore romano che faceva gli effetti speciali, per i film horror italiani, quando facevamo film horror in Italia. In ogni caso Stivaletti ha deciso di girare un film tutto suo e che film… Il film, per farla breve, è così brutto che è davvero difficile spiegare perché sia brutto. E’ così brutto che le coliche causate dalla Nota Marrone che contiene, sono piacevoli a confronto. E’ così brutto che i veri 3 Volti del Terrore eravamo il Maldetto, io e Tizio che lo guardavamo. E’ così brutto, che solo ricordarlo mi fa male fisicamente. E ho proprio voglia di condividere questo dolore fisico con voi. Il film si apre su delle biglie di vetro, matite colorate e una mano da bambino che disegna, con i titoli di testa che scorrono.

I 3 Volti Del Terrore - (1)

Titoli di testa cialtroni… cominciamo bene

Stacco e siamo all’interno dello scompartimento  di un treno dove tre giovani ronfano.

I 3 Volti Del Terrore - (13)

Zzzzz…. ZZzzzzz….

Entra un quarto uomo a cui, dopo pochi passi, cade una boccia d’acciaio color oro che finisce tra i piedi della ragazza svegliandoli tutti.

I 3 Volti Del Terrore - (14)

E… Strike!!!

La ragazza raccoglie la boccia mentre il tipo appena entrato, scusandosi dell’accaduto, dice: “Comunque vedo che ha catturato la sua attenzione…”. A tal proposito credo che qualsiasi cosa di un paio di chili che atterri su un piede catturi l’attenzione del proprietario del piede. Questo è solo per favi capire il tenore dei dialoghi di tutto il film.

I 3 Volti Del Terrore - (15)

Le piace tenere in mano la mia palla?

In ogni caso il proprietario della boccia si presenta come il Prof. Price, esperto ipnotizzatore.

I 3 Volti Del Terrore - (23)

E ha proprio la faccia dell’ipnotizzatore

I 3, stupiti, dicono che l’ipnosi è magia, fantascienza, illusionismo e cose del genere.  Price invece afferma che è una scienza e lui uno scienziato che fa esperimenti, e la boccia serve a quello. Così la dà al primo dei 3 che la fissa e, grazie all’effetto speciale al computer veramente patetico, cade in trance.

I 3 Volti Del Terrore - (16)

Nella foto non si vede bene, ma nel film è davvero pezzente come effetto…

I 3 Volti Del Terrore - (17)

Questo poi dà le vertigini, ruota tutto… e ci sono pure i segni zodiacali…

Così Marco, questo il suo nome, si trova in una landa desolata con un suo amico profanatore di tombe, alla ricerca di una tomba da profanare ovviamente. La trovano e cominciano a scavare, fino a notte. Entrano in questa tipica tomba etrusco/maya/egizia, che l’Italia ne è piena, dove una mummia fa bella mostra di sé circondata e agghindata di oro e preziosi, e sulle pareti ci sono disegni di lotta e di… uomini lupo.

I 3 Volti Del Terrore - (18)

Peccato che non vi possa allegare il motivetto dissonante che fa tanto film horror anni ’40

Naturalmente la depredano, si fanno una Polaroid, che il profanatore è sentimentale e vuole dei ricordi per ogni tomba profanata (giuro non me lo sono inventato) e stanno per uscire, quando Marco trova un anello al dito della mummia e se lo intasca.

I 3 Volti Del Terrore - (19)

Tò, va che bell’anello tamarro con la testa da lupo che ho trovato!

Il mattino dopo Marco si sveglia nella sua cameretta piena di citazioni: a vecchi film horror, a Dylan Dog e poster, che fanno tanto autore colto. Con il cinguettio degli uccellini che entra dalla finestra aperta si prova subito l’anello.

I 3 Volti Del Terrore - (20)

Minkia, stasera sarò il più figo delle giostre mentre gioco al punching ball!

Peccato che non riesca più a toglierlo. Alla fine prova pure con un tronchesino e ovviamente si taglia un dito e la testa di lupo dell’anello si beve il sangue. Nessuno se lo aspettava.

I 3 Volti Del Terrore - (22)

Anello goloso!

Il suo amico profanatore lo chiama che devono andare da un certo Monti a vendere la refurtiva.

I 3 Volti Del Terrore - (24)

Monti che poi è lo stesso Prof. Price del treno, ma con la barba finta diversa…

Lui li paga e loro se ne vanno. La stessa sera Monti analizza la Polaroid che si erano scattati, un libretto preso a caso dalla sua vasta collezione di libretti (2 ne ha) che ha sulla scrivania, capisce tutto: Marco ha preso l’anello e può essere pericoloso. Quindi avvisa il profanatore che si reca a casa di Marco. Breve colluttazione ridicola e Marco gli spacca la testa in 2, letteralmente, che Stivaletti ci voleva far vedere quanto è bravo a fare il cervello umano.

I 3 Volti Del Terrore - (7)

C’è pure il sangue che sgorga, mica pizza e fichi!

Marco fugge in mezzo al paese in preda al dolore, inciampa, cade, si rialza…

I 3 Volti Del Terrore - (5)

Perfetto, la teniamo che la piazza del paese l’abbiamo affittata solo per stanotte!

Arriva ad una fontana per bere, ma l’acqua diventa sabbia, poi sangue.

I 3 Volti Del Terrore - (25)

Nuoooooooooooo… avevo sete!!!

Allora Marco, impazzito, corre via. La città diventa campagna, la luna è alta in cielo, e arriva ad una villetta isolata con piscina, dove un vecchio e una ragazzina stanno per fare le cosacce. Lui si tuffa in piscina e… si trasforma in un lupo mannaro, una trasformazione che è di una cialtronaggine inimmaginabile.

I 3 Volti Del Terrore

Dura 2 minuti, ma sono 2 minuti davvero brutti… per noi.

Mangia il vecchio e insegue la ragazza in bichini che non riesce più a entrare in casa… sono usciti per un bagno e si sono chiusi fuori… capita.

I 3 Volti Del terrore

Lasciami entrare… no, non il film, dico sul serio… ocio, bella, che ti arriva alle spalle però

I 3 Volti Del Terrore

Ecco, te l’avevo detto, eri l’unica che non se lo aspettava…

Lei scappa ancora, e si chiude in macchina con il lupone che tenta di entrare.

I 3 Volti Del Terrore

Il lupo cialtrone che sembra uscito dal museo delle cere… di quelle brutte però, e si muove uguale alle statue

Stacco e siamo ancora in treno… Marco è spaesato, non ha capito un cazzo di quello che è successo. Anche noi siamo spaesati, ma abbiamo capito quello che è successo: siamo andati a vedere il film sbagliato. La palla passa alla ragazza, Barbara, ora tocca a lei essere ipnotizzata dall’effetto speciale al computer del Lidl a soli 9,99 €, computer con effetto speciale straccione compreso. Barbara è un’attrice che lavora in un film di Lamberto Bava i cui effetti speciali sono di Sergio Stivaletti, e sono entrambi nel film, autocitazionismo senza limitismo. Hitchcock, non sei un cazzo te!

I 3 Volti Del Terrore - (3)

In alto Lamberto Bava, in basso, quello ciccione a destra, Sergio Stivaletti

Una sua amica l’aspetta perché vuole essere accompagnata dal chirurgo plastico Dott. Fisher… si esatto, è sempre lo stesso che fa Price e Monti… Oh, non rompete le balle, i soldi son quelli che sono e li abbiamo spesi tutti per il lupo di prima, questo qua veniva via con poco!

I 3 Volti Del Terrore - (33)

Sempre lui con la faccia da maniaco e senza la barba finta

Le ragazze si presentano all’infermiera che chiama il professore e testuale dice: “Dott. Fisher? La ragazza dell’appuntamento e la sua amica sono qui” che ovviamente quando uno va, chessò, dal dentista la receptionist lo avverte dicendo: “Dottore? Quel tizio con il dente è qui”… Ma non divaghiamo, il Dott. Fisher le fa accomodare e chiede che tipo di intervento vuole fare. La ragazza dice di voler diventare Barbara…

I 3 Volti Del Terrore - (31)

So di essere carina, ma Barbara è più bella…

I 3 Volti Del Terrore - (32)

Dottore, sono la bella del paese, le faccia anche i denti storti e il porro sotto l’occhio destro…

Così il Dott. Fisher, con la sua voce melliflua, e la sua aria da maniaco ai giardinetti, porta via Barbara con la scusa di farle delle foto, lasciando l’altra tizia da sola in studio.

I 3 Volti Del Terrore - (34)

Cioè sto qua ha deturpato pure Michael Jackson, come dimostra la foto con dedica e autografo taroccata con il Paint di Windows… sembrano due siamesi attaccati per la fronte…

Andiamo avanti, forza e coraggio, Barbara non torna, la tizia si fuma 280 sigarette… oppure è solo una che però non si consuma mai, non si capisce bene. Alla fine, stufa di aspettare, va in giro per la clinica a cercare Barbara. Ovviamente ora la clinica è buia e inquietante, cioè dovrebbe essere inquietante, in realtà è solo buia.

I 3 Volti Del Terrore - (9)

La tizia entra in stanze con i teschi, con le radiografie spaventose e con i classici siringoni da 25 litri che non possono mancare in nessun film horror ospedaliero

Barbara non si trova, tizia rimane bloccata in un corridoio tra 2 porte, si sente male, sviene, sogna che un falegname dell’Ikea la opera al cranio fino alla classica salsa di pomodoro che cola sulla telecamera…

I 3 Volti Del Terrore - (10)

Come in ogni film dell’orrore che si rispetti ci vogliono degli strumenti assurdi della Black and Decker per operare… miiiiiii che paura!!!!

Alla fine la tizia si riprende, che ci voleva proprio questa scena per riempire quei 2 minuti di film che mancavano, la porta come per magia si apre e lei si trova in un magazzino con tre sarcofaghi di metallo con della gente morta dentro con i tubi in faccia… si lo so sembra una roba senza senso, ma vi giuro che è così!

I 3 Volti Del Terrore - (11)

Insomma avevamo sto materiale che era avanzato da qualche altra parte e pareva brutto non usarlo

Ad ogni modo la tizia torna indietro, entra in un Hangar con un tendone al centro, sente gente che parla, si spaventa, cade, si rompe un tacco, corre a piedi nudi nello slime, se non capite che sta succedendo, tranquilli è normale, nemmeno Stivaletti sapeva quello che faceva. Arriva ad una porta con maniglione antipanico e… Fine primo tempo. Luci in sala. Il terzo Tizio che guardava il film con noi, si alza e dicendo: “Mavaffanculo che film dimmerda!” esce. Pensavamo per andare in bagno, prendere i pop corn e da bere, e invece non è più rientrato. I volti del terrore ora eravamo solo il Maledetto e io. E voi.  Che però dovrete aspettare la seconda parte con la terza storia e uno dei finali più miserabili che storia del cinema ricordi…

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"