Oggi cominciamo con una nuova rubrica sui film che ogni Nerd dovrebbe vedere almeno una volta. Non sono i classici film con supereroi, ma quelli, a volte sconosciuti, altre volte più famosi, che parlano in modo più o meno diretto del nerdoverso.

Film come “Comic-Con Episode IV: A Fan’s Hope” oppure “Super: Attento Crimine!!!“. Due film che, in modo diverso, sono legati alla nostra passione.
Il primo è un documentario sul Comic-Con del 2010 e, ovviamente, parla in modo esplicito della convention e dei suoi avventori, delle speranze che ripongono nella partecipazione alla fiera.
Il Secondo invece è la storia di una persona normale che si mette a fare il supereroe per colmare la propria vita fatta di disastri. Non parla direttamente di Nerd, ma le citazioni e le strizzatine d’occhio solo una persona con questa passione le può cogliere.

Oggi invece parliamo del divertente “Fanboys” di Kyle Newman, scritto da Ernest Cline, l’autore del mitico “Player One

È il 1998, quattro amici sono nati e cresciuti nel mito di Star Wars di George Lucas. Conoscono tutto a menadito, passano la vita a parlare dei film, delle implicazioni morali delle sue scene, insomma sono quattro nerd fatti e finiti con la fissazione di Guerre Stellari.
Mancano solo 6 mesi e spicci all’uscita nelle sale di “Episodio I: La Minaccia Fantasma“, non stanno più nella pelle. Purtroppo uno di loro è ammalato di cancro e non ha un’aspettativa di vita abbastanza lunga per riuscire a vederlo, così decidono di attuare il piano che hanno progettato fin da quando avevano 6 anni: attraversare l’America e infiltrarsi nello Skywalker Ranch di Lucas per rubare una copia di “Episodio I: La Minaccia Fantasma” e vederla con Linus, il ragazzo malato.

Questo è l’incipit di “Fanboys” una commedia uscita in 40 sale americane nel novembre del 2009 che ha avuto alle spalle una storia particolarmente travagliata. In Italia è arrivato lo stesso anno direttamente in dvd. Almeno quello.

Il film è un continuo omaggio alla vecchia saga di Lucas, ogni battuta, ogni cosa che si vede sullo schermo è una citazione, un rimando, una strizzatina d’occhio ai veri fan di “Guerre Stellari“. Si cita di tutto, a partire dai cameo come Carrie Fisher, Billy Dee Williams, Ray Park, Seth Rogen, Kevin Smith e Jason Mewes (in una parodia dei loro Jay e Silent Bob) Danny Trejo, metà della cricca di Jude Apatow, per finire con William Shatner nella parte di… uh, se stesso!

Il road movie di Kyle Newman non risparmia niente dell’universo di Star Wars, nemmeno l’amore/odio verso i Trekkies, ovvero i fan di Star Trek che, ovviamente, detestano essere chiamati così e preferiscono Trekkers.

Ma dicevo che la produzione del film è stata travagliata per vari motivi. Kyle Newman finì di girare e montare il film nel 2006, ma non trovò un distributore fino al 2007: la Weinstein. Il distributore, però, riteneva che la parte sul cancro fosse troppo eccessiva per una commedia che omaggiava Star Wars, quindi decise di rimuoverla e di ingaggiare Steven Brill, uno che non sapeva manco cosa fosse Star Wars, per rigirare alcune scene e rimontare il film.
Il popolo di internet, alla notizia, si ribellò e la Weinstein tornò sui suoi passi distribuendo il film originale nelle sale solo nel 2009.

Parlando della pellicola posso dire che è una divertente commedia on the road che tocca tutti i capisaldi del genere rivisitandoli in salsa nerd. C’è un po’ di tutto, dall’incidente, alla polizia e la notte in carcere, all’incontro al buio con una cyber-fidanzata conosciuta solo in chat, all’assunzione inconsapevole di stupefacenti da parte dei protagonisti, agli equivoci a sfondo sessuale, fino all’incontro con il re dei nerd americani: Harry Knowles, interpretato da Ethan Suplee, colui che, grazie al suo blog, fa tremare i potenti delle major americane.

Certo non è un film perfetto, la sceneggiatura barcolla, alcune situazioni sono al limite dell’assurdo, ma le risate si fanno, soprattutto se si capisce cosa si sta vedendo. Poi la battuta che chiude il film è semplicemente epica!

Gli interpreti principali sono: Sam Huntington, Chris Marquette, Dan Fogler, Kristen Bell e Jaime King.

Vi lascio con il trailer

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"