Come forse avrete intuito dalla nostra testata, se ci seguite, “I Goonies” è uno dei nostri film preferiti, oltre ad essere uno dei migliori film dei mitici anni ’80.

Lo Spielberg dei tempi d’oro che produce una storia epica da lui stesso scritta. Chris Columbus alla sceneggiatura e Richard Donner alla regia, che in un delirio autocelebrativo, arriva anche a citarsi da solo. Un cast di giovani talenti completamente azzeccato. Insomma, era davvero davvero difficile riuscire a fare un film brutto.

Infatti brutto non lo è affatto, anzi, è stato un film chiave nella formazione di noi ragazzini. Se mai dovessi avere un figlio glielo farò vedere e gli dirò: “Ecco, questa è l’amicizia. Ecco, è così che si affrontano le cose e i problemi. Ecco, questa è la fantasia e la passione con cui devi crescere. Ecco, ora vai a letto che papà deve giocare con la Pleistesciòn“.

Ma c’è un mistero legato a “I Goonies” e alla prima volta che l’ho visto. Un mistero che per un periodo di tempo me l’ha fatto pure odiare…

Paura, eh?!

Questa storia ha inizio nel 198nonmiricordo, in un ridente paesino della Sicilia di nome Erice, in provincia di Trapani. Ma mettiamolo da parte.

Il giovane MrChreddy, con la sua famiglia, sta trascorrendo le vacanze estive dai parenti a Erice. Con lui c’è il fratellino minore JibLaIena.
MrChreddy, JibLaIena e un loro cugino del luogo, trascorrono tutto il tempo vagando per Erice, correndo e giocando al parco cittadino, e dentro la piccola sala giochi di Zù Peppino in cui consumano tutti i soldi che hanno.
In realtà JibLaIena un po’ correva, un po’ si stampava per terra, visto che inciampava ovunque. Vuoi perché da piccolo aveva i piedi rotondi, vuoi perché allora andavano di moda le Spadrillas e, dopo 15 secondi un po’, la suola di corda si disfava sui ciottoli medievali delle strade di Erice.
Cosa c’entra? Niente era per dire e sfottere un po’ JibLaIena.

A Erice c’era un cinema, di quelli vecchi, con le poltrone di legno scomodissime e l’intervallo tra i 2 tempi con l’omino che passava a vendere le bibite e le patatine.
Il comune, in quel cinema, offriva gratuitamente degli spettacoli mattutini ai bambini. Ma mica filmetti trovati nel fondo di qualche magazzino, c’erano anche film in prima visione, quelli che poi sarebbero usciti al cinema l’autunno successivo.
A quel tempo i film ci impiegavano un po’ ad arrivare in Italia dagli Stati Uniti, mica come adesso che escono mesi e mesi dopo e a volte nemmeno escono… no, non è cambiato niente da allora.

Il giovane MrChreddy approfittava abbondantemente di questi spettacoli, svegliandosi presto la mattina e andando al cinema. Si è visto un sacco di film gratis a Erice.

Uno di questi era proprio “I Goonies“. Ne uscì entusiasta.

Per ora abbiamo finito con Erice, facciamo un salto in avanti di qualche anno, quando “I Goonies” venne dato su Italia 1. A quel tempo non c’era Sky e i film arrivavano in televisione un paio di anni dopo l’uscita al cinema.
MrChreddy se lo vide, come tutti i bambini della sua classe… però c’era qualcosa che non andava: il film, MrChreddy, se lo ricordava perfettamente ed era sicuro che mancassero 2 scene.

– Una è quella dove i Goonies si fermano al drugstore a comprare la cartina moderna di Astoria per paragonarla alla mappa di Willy L’Orbo. Nel negozio si separano, Chunk si tuffa dentro i frigo a mangiare il gelato, e Mikey incontra quello stronzo di Troy che gli prende la mappa e le dà fuoco facendo finta di fumarla. Questo è importante, tenetelo a mente.

– La seconda è quando i ragazzi arrivano in acqua e vedono il galeone di Willy. Mentre si avvicinano vengono attaccati da una piovra gigante, poi messa in fuga da Data che le infila in bocca una radiolina. Anche questo è importante da tenere a mente.

Il giorno dopo, a scuola, tutti parlano dei Goonies, tutti cominciano a disegnare mappe del tesoro per giocare ai Goonies durante la ricreazione. Le disegnano sui fogli a quadretti dei quadernoni, poi li stropicciano e sfrangiano i bordi per farli sembrare antichi. Come se i pirati nel 1600 disegnassero le mappe sui fogli a  quadretti.
Durante l’ora di ricreazione tutti parlano de “I Goonies“, è l’argomento del giorno, ognuno vuole essere uno dei personaggi. Ci sono 15 Data, alcuni Mouth, Mike lo fa Gargiulo che tanto ha già l’asma, ma nessuno vuole fare Chunk, stranamente.
MrChreddy, ingenuamente, fa presente che nella versione data da Italia 1 mancavano quelle 2 scene. Nessuno gli crede, nessuno le ha viste, nemmeno al cinema.
MrChreddy è convinto, quelle scene esistono. Infatti, fa presente, che quando Andy deve suonare l’organo d’ossa, non riesce a leggere le note perché quella parte della mappa è bruciata, mentre quando trovano la mappa non è così rovinata. Poi, alla fine del film, quando i Goonies parlano con i genitori, raccontano della piovra gigante.
Il piccolo MrChreddy venne subito deriso, preso a coppini e a vecchiette forti sulle cosce per queste sue affermazioni e non venne più selezionato per la partita di calcio della ricreazione. Giurò che l’avrebbe dimostrato andando a noleggiare la videocassetta originale del film.

Qualche giorno dopo, armato di tessera della videoteca, andò a noleggiare “I Goonies” e se lo vide: le scene mancavano anche sulla videocassetta.
D’un tratto la situazione era drammatica: MrChreddy era sicuro di aver visto quelle scene al cinema a Erice, doppiate in italiano tra l’altro, ma non ce n’era traccia da nessuna parte. È ricordando questi momenti che uno apprezza di più la tecnologia, internet e Youtube. Tutti e 3 santi subito!

MrChreddy cominciò ad odiare “I Goonies“, non volle più vederlo per anni e anni. Cercava di non parlarne con nessuno, i coppini e le vecchiette forti sulle cosce fanno male. Quelli che aveva preso dai suoi compagni di scuola bruciavano ancora.
Ogni tanto, quando saltava fuori l’argomento in una delle serate nerd-amarcord tra amici, provava ad accennare al fatto che lui aveva visto al cinema il film con delle scene che poi erano misteriosamente sparite, ma non veniva mai creduto. Per fortuna gli adulti sono meno maneschi… ma le prese in giro quando uno dice una stronzata sono più ficcanti.

Arriva l’era del DvD, degli inserti speciali, degli extra e delle scene eliminate.
Tutti i film piano piano vengono rieditati in DvD e correlati di extra.
Finalmente la Warner, nel 2002, si decide a tirar fuori quello de “I Goonies“, con i commenti del cast, un dietro le quinte e le scene inedite.
Sono anni che MrChreddy non vede quel film, il DvD è l’unica speranza che ha per risolvere il mistero di quella prima visione e finalmente dimostrare a tutti di non essere un cazzaro essersi inventato tutto. E dimostrare anche a se stesso di non essere un pazzo visionario, che in fondo anche lui aveva cominciato a non credere più a quello che aveva visto.

MrChreddy arriva a casa con il DvD, lo infila nel lettore, va direttamente agli extra, seleziona le scene inedite e… ci sono! Le scene di Troy che brucia la mappa e della piovra gigante ci sono!

Finalmente MrChreddy poté dimostrare a tutti che quelle scene esistevano e lui le aveva viste. Si lanciò in un balletto di felicità e rivincita.

Peccato che di ‘sta storia non fregasse più una ceppa a nessuno. La vendetta è un piatto che va servito freddo… ma sempre entro un certo limite di tempo.

Rimane però il mistero: come mai quelle scene c’erano in quella versione vista al cinema a Erice e non in quella uscita nelle sale?

Non si capisce bene cercando in internet, ma forse quelle scene sono state tagliate anche dalla versione americana del film uscito nei cinema. Di sicuro nella verisone UK non c’erano. Quindi come ha fatto ad arrivare nel terzo mondo in Italia quella versione e ad essere doppiata?  Possibile che ci siano state due versioni, una integrale e una tagliata ufficiale e siano state doppiate diversamente? MrChreddy è quasi sicuro che nella versione vista da lui, quando era piccolo, Mouth venisse chiamato Bocca.
Cosa c’è veramente dietro a tutta questa storia?
Possibile che sia uno dei trucchi dei Rettiliani, che usano questi mezzucci per far impazzire la gente?
Possibile che la versione Integrale fosse destinata ai Templari e solo per un errore arrivò in quel di Erice e venne proiettata?
Perché si vocifera che il proiezionista sia sparito nel nulla, poi, e anzi alcuni sostengano che non sia mai esistito?

Scienziati, dottori, esoteristi e fisioterapisti molto importanti sostengono che MrChreddy abbia fatto un viaggio astrale e sia entrato nel corpo di Richard Donner e abbia visto il film integrale così. Capendo tutto come fosse in italiano, ecco perché sostiene che Mouth si chiamasse Bocca quando l’ha visto lui.

La verità non la sapremo mai, rimangono solo congetture e supposizioni. Il mistero de “I Goonies” non verrà mai risolto.

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"