Come tutte le cose belle, anche le cose brutte finiscono. Figuriamoci anche le cose orride come “Dragonball Evolution“.

Questa è la terza ed ultima parte del film minuto per minuto.

Mi auguro di avervi fatto divertire e di avervi strappato almeno una risata. Personalmente mi sono anche divertito a scrivere questi 3 post… un po meno a vedere il film.

Dove eravamo rimasti?

Il Demone Piccolo vuole distruggere il mondo e sembra che a nessuno freghi poi molto.
Sì, Goku, Bulma e Muten ci stanno provando a fermarlo, ma non è che siano proprio sudati e disperati nel tentativo di riuscirci.
Il tutto è ridotto ad una corsa a chi trova prima le Sette Sfere Del Drago e piccolo sta vincendo perché ne ha già 4, mentre 3 sono in mano dei nostri eroi. Alla ciurma intanto si è unito pure Yamcha, un ragazzo che ha circa sessant’anni e porta le meches, che nemmeno Sandy Marton nel 1982 osava portare.
Dopo aver recuperato la terza sfera, nei pressi del centro della terra, i nostri eroi arrivano in un misterioso monastero, dove Muten chiede al monaco Sifu Norris di preparare un altro Mafuuba per rinchiudere piccolo… forse era meglio che chiedeva a Chuck Norris di prenderlo a calci in culo.

È cominciato il Torneo Tenkaichi e Chi Chi affronta subito il finto Comandante Violet.

Inutile dire che le 2 tizie hanno la tipica scioltezza di movimenti dei ceppi di legno da camino. Si muovono esattamente come 2 che hanno iniziato a fare arti marziali 5 minuti prima… in effetti forse è proprio così.

Al Cesso D’Oriente non frega una cippa di combattere. Prima graffia Chi Chi sull’avambraccio, poi si ritira dal torneo.

Mentre esce fa cadere una goccia di sangue in una provetta… maledetta, che vorrà mai farci con il sangue di Chi Chi?

La tensione di questo film è insopportabile, che nemmeno “Gli Intoccabili” mi ha tenuto con il fiato così sospeso…

Chi Chi vince, notare il graffio che ha subìto.
Mentre vince arriva Goku tra il pubblico, lei gli corre incontro.

Il Torneo a cui partecipa Chi Chi è vicino al monastero, che è vicino alla grotta che conduce al centro della terra… non c’ho capito un cazzo della geografia di questo film!

Goku è premurosissimo: “No, Chi Chi, guarda cosa ti sei fatta…“, in realtà è tutta una scusa per sbirciarle nella scollatura, ancora.

Stacco per una scena di una inutilità disarmante, ma si vede che dovevano arrivare al minimo sindacale di 1 ora e 20 minuti di film

Bulma e Yamcha chiacchierano al mercato flirtando, evidentemente Bulma è una gerontofila.

Stanno per baciarsi qunado uno dietro di loro urla come un pazzo per tagliare un pezzo di carne. Che i macellai fanno sempre così.

Peccato l’occasione è sfumata e si vede che Yamcha ci rimane particolarmente male, che quando gli ricapita di farsi una con 40 anni meno di lui?

Stacco.

Goku e Muten si stanno allenando nel cortile del monastero…

Sì, la consecutio di questo film è totalmente a cazzo di cane, se uno prova a pensare quanti giorni potrebbero essere passati dall’inizio del film a ora, impazzisce.

Muten fa vedere a Goku la tecnica della Kamehameha!
La famosa Onda Energetica, come la chiamano nell’anime in italiano.
Muten dice che è una roba potentissima e la usa per accendere una candela del cortile. Poi dice a Goku: “Senti ciccio, io ho da fare, te accendi le altre 5, notte…” e se ne va.

Ma a Goku non esce la Kamehameha, ma una roba loffia azzurra che non fa niente.

Stufo sta per accendere le candele con una candela, tra l’altro facendo una faccia da pirla che entrerà negli annali delle facce da pirla, ma…

… viene fermato da Chi Chi che per l’occasione è scollatissima e ha su un push up progettato direttamente dagli scienziati della NASA, dipartimento antigravità applicata alle tette delle donne.

Chi Chi si ferma lontano da Goku e gli dice che lui si può avvicinare di un passo per ogni candela accesa con la Kamehameha e…

Goku ringalluzzito ne accende 2 di fila, Pem! Pem!
Poi però sbaglia e quella sadica di Chi Chi lo fa allontanare e gli dice che se le accende, poi puoi spegnerle che faranno le cosacce.

Siccome tira più un pelo di Chi Chi che un’onda energetica Goku ne accende 3 con un colpo solo.

Finalmente possono baciarsi… dove per baciarsi significa limonare come se non ci fosse un domani.

Stacco.

I monaci con Muten intanto sono intorno a un tavolo a giocare a tressette. Questo è il rito del Mafuuba.

Stacco. Un altro.

Bulma è svegliata da un rumore.

È Chi Chi che esce dalla camera di Goku, Bulma si scusa di averle puntato la pistola in faccia.

Intanto arriva Yamcha che chiede cosa fanno tutte e 3 in piedi a quell’ora… una è Bulma, l’altra è Chi Chi, la terza è la sua erezione che ha ancora dal mancato del mercato di quella sera.

Chi Chi è imbarazzata di essere stata beccata a uscire così dalla camera di Goku che e se ne va via.

Da dietro un angolo arriva Goku con la faccia bella soddisfatta.

Ma allora se Goku non è in camera, Chi Chi che ci faceva lì?

Il Dragonradar indica che Chi Chi si è ciulata le 3 Sfere Del Drago.

I 3 la inseguono, ma lei causa un’esplosione che blocca il passaggio.

Bulma e Yamcha cercano un’altra strada, andando a destra, mentre Goku vede tra le fiamme che…

… Chi Chi si sta menando con qualcuno.

Goku, sprezzante del pericolo, si tuffa fra le fiamme… cioè ci passavo pure io da lì, vabbè.

Ma le Chi Chi sono 2 e si picchiano tra loro!

Goku non sa che fare e le osserva menarsi assumendo una posa molto da macho, che nemmeno i Village People…

Poi siccome una vale l’altra, Goku appioppa un calcio volante in faccia a una Chi Chi a caso…

Purtroppo è quella vera, come si può notare dall’enorme sbrego che ha sul braccio.

Mentre Goku tenta di rianimare la sua Chi Chi, che giace a terra con uno zigomo sfondato, quella finta gli spara alle spalle.

Un attimo di attenzione, momento memorabile, questo è uno dei due proiettili di tutto il film che colpisce qualcuno, che qui tutti schivano i proiettili che “Matrix” in confronto è un dilettante.

La finta Chi Chi fugge e da sinistra entrano Bulma e Yamcha.

Voi vi chiederete: “Ma non avevi detto che erano andati a destra prima?
Sì, l’avevo detto e ci sono andati, ma non è colpa mia se il monastero l’ha progettato Escher!

Dragonball Evolution (237)

Comunque, la finta Chi Chi torna alle sembianze della brutta Violet… ah, ecco a cosa serviva la goccia di sangue che ha preso a Chi Chi durante quello scontro cialtrone al torneo!!!!
Minkia ragazzi, questo film riserva più sorprese di un giallo di Conan Doyle!

Goku, però, non è morto, ma ci siamo quasi…

… e si sveglia in un mondo tutto blu.
In lontananza, su un lago, c’è suo nonno che sorridente gli dice: “Goku, devi credere in te stesso! Accetta quello che sei!
Goku: “Nonno… ma vaffanc…

Per fortuna viene rianimato da Muten con una Kamehameha in mezzo al petto.

Oh, la Kamehameha va bene su tutto: devi distruggere qualcosa? Kamehameha
Devi accendere una candela a distanza? Kamehameha
Devi rianimare qualcuno in coma? Kamehameha
Devi fare il branzino al sale e il forno è rotto? Kamehameha

Goku è vivo, ohccheggioia!

Sifu Norris consegna il Maffuba, ormai pronto, a Muten e finalmente possono tutti partire alle calcagna di Piccolo che ha le sette sfere e può iniziare il rito per evocare il Drago Shenron.

 I nostri eroi partono a bordo di un mezzo blindato che la S.W.A.T. se lo sogna.

Piccolo, intanto, invece di muoversi a evocare il Drago, perde tempo con un pippone su come si stava stretti dentro il vaso e palle varie.

Poi finalmente si decide a far formare il suo altare per le sfere in cui ripetere il rito di evocazione.

Modificando la morfologia di tutta la vallata.

Una cosa non mi è ancora chiara: se Piccolo è un demone potentissimo capace di distruggere il mondo, come detto all’inizio e in altre parti del film, che cosa lo evoca a fare il Drago Shenron?

Goku si prepara allo scontro infilandosi degli stivaloni da mignottone, che con il resto ci stanno un amore. E poi erano pure in saldo, li ha pagati una sciocchezza, signora mia!

Il mezzo blindato arriva ad uno strapiombo e si trasforma in una versione ipertrofica della Delorean, volando per continuare il viaggio.

Siamo agli sgoccioli, Piccolo sta per evocare il Drago.

Ma Muten, per fermarlo, gli spara una comodissima Kamehameha, alla quale Piccolo risponde con un-altra Onda Energetica…

Le due bolle si scontrano e nasce Giove.

L’esplosione però sparpaglia le sfere, una cade a valle.

Contemporaneamente l’esplosione danneggia il mezzo blindato di Yamcha, facendo cadere a valle pure Muten.

Piccolo è costretto a saltare giù dal suo altare e ad atterrare da figo a terra per recuperare la sfera caduta.

Goku finalmente è pronto, si è cambiato, ha la casacca arancione d’ordinanza e può finalmente dare un sacco di schiaffi a Piccolo, vero?

No, falso, i due chiacchiarano amabilmente, come fossero al bar, per un sacco di tempo.

Piccolo rivela a Goku, che era l’unico a non averlo capito, che lui era Oozaru, il suo vecchio aiutante!

Goku è incredulo.

Ma durante l’eclissi, appena si forma un secondo Giove tutto verde stavolta, Goku si ricorda di come da piccolo è arrivato sulla terra a bordo di un’astronave ed è stato raccolto dal nonno Gohan.

Ripeto, la consecutio temporum di sto film è da galera: ‘sta cosa è successa 2000 anni fa, quando Piccolo è stato rinchiuso nella sputacchiera, Oozaru/Goku, dove minkia è stato per 1982 anni, visto che ora ne ha 18 ed è atterrato da bambino sulla terra?!

Va che dolce, va che begli occhietti rossi che ha!

Goku non resiste e comincia a trasformarsi in Oozaru. Prima gli spuntano le manone…

… poi diventa Michael Jackson per qualche secondo…

… infine diventa un gorillone in CGI che fa cagare a spruzzo.

Per la cronaca, purtroppo qui non si vede, ma la trasformazione è una brutta copia di quella di “Un Lupo Mannaro Americano A Londra“, anno 1981 ed effetti speciali bellissimi. “Dragonball Evolution” è del 2009 ed ha effetti speciali che fanno cadere morti i maiali.

Yamcha recupera la sfera caduta…

… e Oozaru si mette a inseguire lui e Bulma perché Piccolo gli ha ordinato di riprenderla.

Intanto Muten si è ripreso e sta sistemando la sputacchiera Mafuuba per catturare Piccolo…

… e ci riesce, avvolgendo in un vortice traente.

Vi risparmio l’inseguimento che è abbastanza brutto.

Ad un certo punto Yamcha dice a Bulma di andare con la sfera e lui si ferma per sparare a Oozaru, il quale esce invece dalla parete e lo sbatte via.

Ciao ciao Yamcha!

All-ultimo momento Piccolo spara un’Onda Energetica sul Mafuuba distruggendolo e mandando Muten a gambe all’aria.

Oozaru arriva da Muten e lo strozza, ma lui riesce a dirgli, per l’ennesima volta: “Goku credi in te stesso, accettati e lo sconfiggerai

Poi muore.

Goku, stufo di sentire la solita manfrina, ritorna a essere Michael Jackson…

… e poi se stesso, in una trasformazione che è la stessa scena di prima, ma montata al contrario.

Quando si dice che non si butta via niente…

Dragonball Evolution (275-2)

Piccolo, indispettito, comincia a tirare bolle d’energia a Goku…

Il quale le evita con una serie di salti e acrobazie… e ad un certo punto viene anche il dubbio che il coreografo dei combattimenti sia un ex inserviente del Cirque Du Soleil.

Ma uno cosa deve fare per vedere un combattimento decente in un film d’azione che dovrebbe essere di botte?!

Infatti parte subito una sparatoria tra Bulma e la donna più brutta a est del mondo.

Bulma rimane senza proiettili… ma fa la faccia da dura, che serve sempre in queste occasioni.

Visto che Goku e Piccolo non riescono a beccarsi con le loro fottutissime bolle d’energia, decidono che forse vale la pena di prendersi a manate in faccia, ma la situazione non cambia molto.
Alla fine Piccolo tira un’onda a bruciapelo a Goku e lo sbatte via.

Bulma disperata tira il motorino della piaggio al finto Comandante Violet, ma lei lo schiva e butta  terra Bulma.

Sta per spararle quando…

Dragonball Evolution (284)

… ha un orgasmo? No, viene colpita da dietro da un colpo di pistola… il secondo proiettile a segno di tutto il film. Applausi prego.

È Yamcha che è tornato e ha ucciso Violet. Dimostrando anche che, per essere un vecchio di 60 anni truccato da giovane, è bello resistente.

Intanto Goku si fa un pippone mentale da paura in cui dice: “Io sono sia Goku, sia Oozaru! Mi accetto così come sono!

Finalmente, oserei dire.

Urla verso il cielo con tutti gli occhi rossi.

La scena dovrebbe essere drammatica e pregna di significato, in realtà non si vede l’ora che finisca ‘sta pantomima.

 Piccolo è pronto a finire lo scontro.

Goku pure e, raccogliendo tutte le sofferenze di quelli che stanno guardando questo film, prepara una Kamehameha da antologia, la più potente del mondo.

Piccolo invece prende in mano il testicolo di uno spettatore, guardate un po’ come si è gonfiato durante la visione del film, e lo lancia verso Goku.

Tipico scontro di onde d’energia, non si era mai vista una cosa del genere.

Piccolo ha la peggio, ovviamente, Goku attraversa la sua onda e lo colpisce fortissimo in pancia.

Causando un’esplosione atomica, grazie ai gas fuoriusciti da Piccolo, che era un po’ costipato ultimamente.

Dopo la collisione goku atterra da figo.

Piccolo atterra da morto.

Purtroppo anche Muten è morto. Tutti piangono.

Gku, raccolte le sfere, comincia il rito per evocare il Drago Shenron.

Rito che consiste nel dire una preghiera difficilissima tipo: “Drago, le sette sfere sono state recuperate, esigo che tu venga d’innanzi a me per esaudire un desiderio!

Shenron ubbidiente, appare.

Goku finalmente può esprimere il desiderio.

Ma cosa potrà mai chiedere?

Fai sparire definitivamente Piccolo?
Riporta in vita il nonno Gohan?
Risolvi la fame e la povertà nel mondo?
Uccidi regista, produttore e sceneggiatore di questo film?

No, lui chiede di resuscitare Muten.

Chi se ne frega se Piccolo potrebbe non essere morto e tornare ad essere una minaccia per la terra. Chi se ne frega se il nonno con cui ha vissuto 18 anni è morto. Chi se ne frega se regista, produttore e sceneggiatore potrebbero fare altri film del genere.

No meglio far resuscitare uno che hai incontrato settimana scorsa.

Bene!

Finisce così a tarallucci e vino, sono tutti contenti, soprattutto Muten, ma Goku deve fare ancora una cosa…

Ch Chi si sta allenando con la leggiadria e la maestria di una colonna in marmo bizantina.

Goku arriva, le lecca la faringe.

Poi i due piccioncini cominciano a bisticciare su chi sia il più forte e il più veloce. Che io fossi stato in Goku avrei lasciato vincere lei, almeno sulla velocità.

Così decidono di risolvere la questione prendendosi a mazzate, tra l’altro in pose naturalissime, non è che sono mica appesi ai fili.

Titoli di coda… e scopriamo che:

Akira Toriyama è il produttore esecutivo del film… quindi era d’accordo che stuprassero il suo manga in questo modo.

Il Comandante Violet, l’aiutante di Piccolo bella come un calcio nelle balle, è in realtà un trans che si chiama Eriko.

Texas Battle è il nome d’arte più bello che io abbia mai sentito.
Se mai dovessi diventare un famoso attore di film d’azione, mi farò chiamare “Lombardia Fight“!

Ehy, ma c’è una scena mid credits! È un film di quelli seri allora!

Una donna prepara una zuppa, con tante verdurine, erbette fresche, insomma quelle robe lì che non sono pesanti e le puoi mangiare prima di andare a letto che tanto digerisci.

È la mamma che aveva la prima Sfera Del Drago che ha recuperato Piccolo, vi ricordate? Quella che si era nascosta sotto il pavimento, esatto.

Sta portando un bel piattone di zuppa a qualcuno.

È Piccolo che è sopravvissuto!

Lei puccia uno straccio nella zuppa e glielo passa delicatamente sulla fronte. Lui non sembra per niente contento della cosa, che un pochino ha anche ragione: mettete che siete a letto con la febbre, arriva vostra madre/moglie/fidanzata e prende uno straccio imbevuto di minestrone caldo e vi comincia a massaggiare le tempie, non è una bella cosa, no?

Evidentemente l’intenzione era quella di fare uno o più sequel, ma vista l’accoglienza a calci e sputi, sia dalla critica e soprattutto del pubblico, ci hanno rinunciato… fortunatamente.

E con questo si conclude il lungo film minuto per minuto di “Dragonball Evolution“. Forse uno dei peggiori film della storia del cinema, una roba che se i Lumiere avessero saputo, non l’avrebbero inventato mai il cinema.

Spero di avervi divertito e di avervi strappato una risata.

Se volete altri film fatti così, basta chiedere… poi aspettare che io abbia tempo di farlo.

 

Post precedenti:

L.N.M. presents: Dragonball Evolution – Parte I

L.N.M. presents: Dragonball Evolution – Parte II

 

Tutti i post de La Nota Marrone:

La Nota Marrone

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"