Pensavo che la notizia della vendita della Lucasfilm alla Disney fosse scemata e ormai il nerdoverso se ne fosse fatto una ragione, e invece non ce ne siamo fatti una ragione proprio per niente.

Passato l’iniziale momento drammatico del: “OMMIODDIO MORIREMO TUTTI!!!, ci ho ragionato un po’ su e l’idea di questa fusione non mi sembrava più una cosa tanto tragica.

Però un tarlo sta ancora scavando nelle nostre menti: il nuovo “Star Wars Episodio VII“.

Dopo una serie di rumor sul regista scelto, giovedì sera è arrivata la notizia che ha infiammato di nuovo gli animi e internet: J.J. Abrams è stato scelto come regista del film.

J.J. Abrams è un nerdone. Si vede. ha pure fatto un film ispirato ai film nerd degli anni ’80, quelli con il gruppo di bambini che vive avventure incredibili tipici del vecchio Steven Spielberg: “Super 8“, prodotto proprio da Spielberg in persona.

A me è piaciuto molto, ad altri meno. In effetti non è un film bello in senso assoluto, piace per l’effetto amarcord che scatena. I tempi dilatati, la preparazione all’evento, la banda di ragazzini e tutto il resto sono cose che non appartengono più al cinema che conosciamo da quasi 30 anni.
Super 8” è stato un bell’esperimento, a mio parere riuscito, ma che in molti non hanno apprezzato.

La cosa che sta facendo impazzire il web è che J.J. è il responsabile del rilancio di “Star Trek“, uno dei pochi reboot che ha funzionato, ed ora ha appena finito il sequel “Star Trek – Into Darkness“, che è uno dei film più attesi di quest’anno.

Il paradosso è proprio questo: il guru di “Star Trek” sarà il nuovo regista di “Star Wars“, due franchise “in concorrenza” tra loro, almeno nell’immaginario dei fan. Sì perché Trekkies e fan di “Star Wars” sono in perenne lotta su quale delle due serie sia migliore. Una guerra che coinvolge gli stessi attori che hanno interpretato la serie classica di “Star Trek“.
Diciamo che c’è un piccolo conflitto di interessi… almeno nei fan.

In ogni caso, dopo la notizia, il mondo si è spaccato in due: quelli a cui piace Abrams sono contenti, quelli a cui non piace sono partiti con torce e forconi alla volta della Disney per lamentarsi e possibilmente farsi giustizia sommaria dei dirigenti della compagnia.
Che poi, a quanto pare, la scelta di Abrams sarebbe merito di Spielberg. Kathleen Kennedy, erede di Lucas e venduta insieme a tutta la baracca alla Disney, aveva scelto Abrams fin dall’inizio, ma J.J. aveva rifiutato. Spielberg, poi, si è messo in mezzo tenendo viva la trattativa e convincendo entrambi che il tutto era cosa buona e giusta e così si è arrivati a Abrams regista del prossimo “Star Wars“.

Però c’è un piccolo giallo. Zack Snyder, pare sia andato alla Lucasfilm proponendo un progetto ispirato a “I Magnifici 7” in salsa Jedi, uno spin off immerso nell’universo di “Star Wars“.
Il problema è che Snyder è sotto contratto con la Warner Bros., almeno finché il nuovo “The Man Of Steel” non uscirà al cinema e si capirà se è un successo o un flop. Nel secondo caso Snyder sarà slegato dalla Warner a calci in culo e potrà, virtualmente, fare quello che gli pare.

In ogni caso, si può dire quello che si vuole, non essere d’accordo con la scelta di J.J. Abrams o anche solo non accettare che “Star Wars 7” si faccia, ma bisogna mettersela via. La Disney comunque lo farà, in barba a tutte le proteste, i pianti su internet e le minacce.
A me personalmente J.J. Abrams piace, almeno è un regista che ha polso e una sua visione, una sua estetica, benché sia tutta flare e riflessi sulle lenti delle macchine da presa. Il rischio di avere un pupazzetto che viene dalla pubblicità era alto, in quel caso sarebbe rimasta solo la mossa commerciale e di sicuro un film dimmerda. In questo caso un minimo rischio di vedere qualcosa di decente c’è.
Quello che ci rimane da fare è sperare che ne venga fuori un bel film o l’inizio di una bella nuova saga. In caso contrario pace e amen, i vecchi “Star Wars” sono lì, nessuno ce li porterà via, non c’è riuscito nemmeno Lucas, nonostante ci abbia provato in tutti i modi a massacrarli a morte.

Quindi stiamo calmi, speriamo e male che vada faremo finta che non esiste e io avrò qualche post assicurato per la Nota Marrone e in Ascensore con Ryan.

 

Post correlati:

La Disney compra la Lucasfilm, It’s a Trap!

Disney e Lucasfilm, parliamone a mente fredda

La LucasArts, le avventure grafiche e mille bei ricordi

The Disney Effect

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"