Finalmente torna, almeno per oggi, la nostra rubrica che segnala i film da nerd da vedere.
Purtroppo non ne esistono molti, quindi la tiro fuori quando me ne capita uno per le mani, oppure mi torna in mente qualcuno che ho visto.

Oggi siete fortunati perché settimana scorsa mi è tornato in mente il film di oggi. Ovviamente per parlarne me lo sono rivisto… un duro lavoro il mio, ma qualcuno deve pur farlo per farvi contenti.

Prima che i supereroi spopolassero al cinema, quindi prima dell’uscita nel 2000 di X-Men, usciva un film particolarmente ispirato su dei supereroi alternativi, molto liberamente tratto dai fumetti di Bob Burden, che non si è cagato praticamente nessuno e i soliti critici, dalla puzza sotto al naso, hanno stroncato senza nemmeno provare a capirlo. In Italia mi pare sia uscito direttamente nei cestoni della COOP a 2000 lire al chilo.

Il film in questione è Mistery Men, del lontanissimo 1999.

Champion City.
Mister Furioso (), Blue Raja () e lo Spalatore () le stanno provando tutte a imporsi come nuovi eroi della città. Purtroppo combinano solo guai e non riescono a intaccare la popolarità di Capitan Amazing (), il supereroe ufficiale di Champion City.
Però anche Capitan Amazing ha i suoi bei problemi. Sta perdendo sponsor e la sua tuta, addobbata come la tuta di un pilota di Formula 1, ha sempre meno toppe pubblicitarie. La situazione è grigia, non ci sono più supernemici da combattere, visto che li ha sconfitti tutti. L’unico modo per tornare in auge e riagguantare la pubblicità persa è riuscire a far liberare l’unico cattivo possibile: il temibile Casanova Frankenstein (), la sua nemesi.

Capitan Amazing, nei panni del suo occhialuto alter ego, l’avvocato Lance Hunt, riesce a far avere la libertà sulla parola al perfido Casanova Frankenstein.
Purtroppo la mossa si rivela avventate e Capitan Amazing viene catturato da Casanova Frankenstein.
Ora tocca ai tre eroi wannabe liberarlo e salvare il mondo, ma da soli non possono farcela, devono cercare altri supereroi, al loro gruppo si uniscono: Puzzola (il  tanto caro a Tim Burton), il Ragazzo Invisibile (), la Bocciofila (, che andava molto nei film da giovani degli anni ’90) e la Sfinge ().
Ma Casanova Frankenstein non è di certo un nemico qualsiasi e, di certo, non è solo…

Il regista di Mystery MenKinka Usher, ha diretto… ehmm… solo Mystery Men, poi è tornato a fare filmini per cresime e matrimoni, sparendo nel nulla, non vi metto nemmeno la pagina di IMDb perché fa abbastanza tristezza.

Però, con Mystery Men, ha lasciato almeno un buon ricordo in tutti noi nerd.
La cifra artistica di questo genere di film, oltre alla commedia, le citazioni varie, i poteri e le situazioni improbabili, è l’autopsia superoistica per raggiungere, appunto, la comicità.
Lo sfruttamento dei luoghi comuni e il sovvertimento dei punti di forza, funziona come analisi della struttura stessa dei fumetti e di come funzionano, ovviamente esasperando proprio i punti di partenza.

Ad esempio il fatto che Capitan Amazing debba liberare la sua nemesi, Casanova Frankenstein, per continuare a fare il supereroe, perché non esiste supereroe senza un nemico e lo stesso vale al contrario, è la sintesi dei maggiori personaggi dei fumetti: Batman e Joker, Superman e Lex Luthor, l’Uomo Ragno e il Goblin, Capitan America e Teschio Rosso e così via, potrei continuare all’infinito.

I Mystery Men stessi sono un concentrato di luoghi comuni esasperati e rivoltati.
Mr Furioso è la parodia di Hulk, si incazza a dismisura e quando si incazza… niente, si incazza e basta, come ognuno di noi.
Lo Spalatore ha un dono: spalare. A cosa serve non si sa, a parte farlo litigare con la moglie che lo vede come un bambino.
Blue Raja il maestro di posateria, che non ha nemmeno le mutande blu, nasconde il suo essere supereroe all’anziana madre, ricorda qualcuno?
La Bocciofila ha la testa di suo padre in una balla da bowling… in realtà è la palla ad avere poteri.
Puzzola, il petomane cecchino, il suo superpotere tiene lontane le persone.
Il Ragazzo Invisibile ha il potere di sparire nel nulla… quando nessuno lo guarda, esattamente come ognuno di noi.
La Sfinge è una sfinge. Mentore dei Mystery Men parla per frasi fatte e sibilline.
La stessa selezione della squadra è quanto di più lontano dalla creazione dei supergruppi… molto poco superoistica, ma estremamente divertente… provate a immaginarvi i Vendicatori, o gli X-Men che fanno le selezioni per nuovi membri, e quelli sono supereroi veri, pensate ai wannabe…

Certo non è un film perfetto, ha i suoi difetti (troppo lungo?), qualche ingenuità e i suoi anni, ma è divertente anche rivederlo oggi.

Il cast è di tutto rispetto, dai talenti comici Ben Stiller e Hank Azaria, fino alla serietà intrinseca di Jeoffrey Rush e Wes Studi che accentua le scene più divertenti. Si segnala anche la presenza di  nella parte di Doc Heller, il Costruttore e l’allora bella , nei panni della… bella.

Per finire non posso che sottolineare la scenografia dell’interno del maniero di Casanova Frankenstein: una bellissima riproduzione dell’interno della meravigliosa Casa Batlò a Barcellona, di Gaudì.

Se non siete ancora convinti a vederlo, guardatevi almeno il trailer.

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"