L’anno scorso è uscito il reboot di Spider-Man: The Amazing Spider-Man.

Andando a vederlo al cinema non mi era dispiaciuto, anche se non mi aveva convinto totalmente.
Ora che stanno girando il sequel mi è tornato in mente quel film, siccome le cose inutili me le ricordo abbastanza bene, posso dire che quel film è una bella puttanata e che forse devo aspettare quei 6 o 7 mesi prima di parlare di un film.

Che quell’Amazzati Amazing Spider-Man aveva tante di quelle boiate che non so come sia uscito dal cinema mezzo divertito. Giuro.

Che la storia fosse, diciamo, una stronzata ci siamo arrivati tutti, però è nelle piccole cose dove ha fallito miseramente.
Il Peter Parker fighetto, liceale trentenne, con il costume che sembrava fatto di gomma.
Lizard era uno schifo sotto ogni punto di vista: estetico, di aderenza al personaggio e di coerenza all’interno del film.
Tutta quella scena patetica delle gru in fila per farlo andare veloce, quando mai Spider-Man ha avuto bisogno di una corsia preferenziale a cui sparare le ragantele?
Lo zainetto con dentro il costume che appariva e scompariva quando serviva. Se ne va da casa di Gwen Stacy senza e nella scena successiva ce l’ha. Oplà!
Lo scontro con Lizard sul grattacielo dove alla fine l’Uomo Ragno cade e… Lizard lo prende al volo salvandolo. Quando mai ne ha avuto bisogno?
Il repentino cambio di idea del capitano Stacy su Peter Parker.
L’atmosfera cupa alla Batman di Nolan, che sembra che ogni film di supereroi debba far venire l’ansia e la claustrofobia per essere bello.
L’ispirazione a quella mezza cagata dei fumetti per ggiovani di Ultimate Spider-Man, che ne parleremo quando li avrò finiti… maledetti edicolanti alieni!

Insomma un’accozzaglia di errori tanto piccoli quanto grossolani che hanno affossato un film già non particolarmente brillante di per sé.
Che poi, vabbè, lo scusi con il fatto che l’hanno fatto in fretta e furia per non perdere i diritti sul personaggio… se proprio vogliamo scusarlo.

Ora stanno girando il sequel, per la prima volta, davvero a New York.

Le news fioccano, che la Sony/Columbia ha capito che il primo film non è piaciuto molto e allora deve far salire l’hype sul secondo film. Le foto dal set fioccano come la neve a Milano. Il regista Mark Webb, invece di andare a Scuola Di Scene D’Azione Decenti, continua a twittare immagini e aggiornamenti dal set, manco avesse 16 anni.

Questa, ad esempio, ricorda l’armadietto dove è contenuto il simbionte che poi diventerà Venom in Ultimate Spider-Man. Nel fumetto, guarda caso, il simbionte è frutto degli esperimenti del padre di Peter Parker…

Questa è la vignetta originale. Il barattolo di confettura nera è quello che contiene il simbionte.
Si desume che, se non appare nel film, almeno butteranno le basi per avere Venom nel terzo… ‘sta cosa a Sam Raimi ha portato abbastanza sfiga, non voglio dire niente, ma…

In più sono ancora mezzo convinto della possibilità di vedere una riduzione della Saga del Clone, vista la storia dei genitori inserita nel primo filme e che continuerà in questo, un po’ con la stessa logica di come è riproposta in Ultimate Spider-Man…

Passiamo agli attori e i personaggi.

Sappiamo che il nuovo villain sarà Electro e avrà volto e fisico di Django Jamie Foxx.

Quindi è possibile che il costume sia quello della versione Ultimate di Electro. Che sinceramente, leggendo il fumetto, ci ho messo un po’ a capire che era lui…

Ci sarà Harry Osborne interpretato da Dane DeHaan, quello che Chronicle fa scoppiare il casino.

Nonostante la somiglianza, non è il nostro Capitan Catarro.

Finalmente apparirà Norman Osborne, che ne primo non avevano ancora scelto l’attore, quindi non si vedeva la faccia. Ora l’attore l’hanno scelto ed è Chris Cooper, che se c’è una cosa che non gli manca è la faccia da bastardo.

Emma Stone, per fortuna, torna nei panni di Gwen Stacy, che almeno se il film è brutto, lei è un bel vedere. Visto che comunque ci sarà Norman Osborne, mi aspetto che in questo film sia solo una figura di contorno, ma nel terzo diventi Goblin, spero non quello dell’Ultimate, e che uccida Gwen.
Che già Gwen a questo giro avrà tra le palle i piedi la rivale in amore di sempre: Mary Jane Watson. La scelta per l’attrice è ricaduta su Shailene Woodley, quella che faceva la figlia di George Clooney nel bellissimo Paradiso Amaro. Sinceramente Shailene la preferisco a quella faccia di tonno di Kirsten Dunst.
Che poi, Shailene me la ricordavo così…

Sul set è così.

Evidentemente deve aver scoperto dove sua mamma nascondeva le merendine. Sembra un prima e dopo la cura con le radiazioni, le è venuto anche il collo come Tyson.
Sicuramente non è truccata, quindi nel film spero probabilmente sarà meglio.
Sicuramente non è la MJ che tutti conosciamo…

Per ora manca ancora JJ Jameson, il che lo rende un po’ meno Uomo Ragno…

C’è di buono, però, che almeno hanno cambiato il costume a Spider-Man perché quello vecchio faceva davvero schifo…

Non capisco cosa sia...

… e ricordava vagamente qualcosa…

Mentre ora hanno sistemato gli occhi, il tessuto, la raganatela sul costume.

Diciamo che è più classico.

Voi che ne dite, cosa vi aspettate da questo film?
Ma lo aspettate questo film?

 

Post correlati:

Spider-Man al cinema, non è tutta cacca quella che puzza…

“The Amazing Spider-Man”, divertente, ma non così amazing come poteva essere

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"