Ieri, dopo che ho pubblicato il primo post su Twilight, mi ha scritto su Whatsapp il mio amico Gargiulo per dirmi: “Eh, Chreddy, divertente il post di oggi… però stavo pensando che dare della Cagna ad una persona è una roba davvero brutta…
Gli ho risposto: “Gargiulo, ma te l’hai visto Twilight?
Mi ha risposto di no. Gli rispondo a mia volta: “Cosa mi rompi le palle a fare allora?!“, ci vogliamo bene e ci piace essere diretti, “Guardalo, poi mi dici!
Non mi ha più risposto. Nel tardo pomeriggio mi arriva un altro messaggino: “Ho visto metà Twilight, poi ho spento che mi aveva rotto le palle… non pensavo che Cagna Maledetta potesse essere considerato un complimento…

Dai, lo so che state facendo la schiumetta dalla voglia di andare a leggere la seconda puntata del post su Twilight, quindi bando alle ciance che cominciamo subito.

The Twilight Saga: Eclipse (2010) regia di  tratto dall’anonimo omonimo romanzo di .

Ho cercato di ricordarmi per per più di mezz’ora cosa succedesse nel 3° film di Twilight. Alla fine mi è venuto: praticamente un cazzo. Tutti dialoghi sdolcinati, pippe mentali su pippe mentali e basta. Quindi farò un riassunto molto breve e schematico e poi passerò alle cose interessanti che non vengono dette, ma che ho intuito io con la mia mente superiore, affilata come un rasoio.

Seattle, città dello stato di Washington famosa per i Nirvana e il Grunge e per essere vicina all’ameno paesello di Froks, dove si svolgono le avventure che sto raccontando.

Dei ragazzi spariscono misteriosamente e diventano Vampiri. È colpa di Victoria (Bryce Dallas Howard), la ex-fidanzata di James, il Vampiro che aveva tentato di uccidere Bella nel primo film e che i Cullen avevano giustiziato sommariamente in una sala da ballo. Victoria vuole vendicarsi di Bella.

I Cullen vengono a sapere questa cosa e vogliono proteggere Bella a tutti i costi.

Jacob e Edward litigano su chi è meglio che protegga Bella… è una metafora per dire che sono entrambi innamorati e litigano su chi se la deve ingroppare merita di stare con lei. Bella, dal canto suo, dà corda ad entrambi, che sai mai ci scappa un threesome. Essì, Bella è anche bella ingrifata in questo film.

I Cullen alla fine si alleano con i Licantropi per difenderla e parte tutta una sequenza di allenamenti per affrontare tutti i nuovi Vampiri.

Edward, il romanticone, chiede a Bella di sposarlo. Lei gli chiede di essere trasformata, lui le dice ripetutamente di no. Bella bacia Jacob.

Arrivano i nuovi Vampiri capeggiati da Victoria. I due schieramenti combattono in modo molto molto triste, tutti i cattivi muoiono.

Edward e Bella decidono di sposarsi, Jacob se la prende in cu… e se ne va.

Fine del film.

Considerazioni:

– Il padre di Bella, Charlie Swan (Billy Burke), dicevo ieri che è il capo della polizia di Froks. Sono quasi 3 anni che sua figlia sta con un Vampiro che, per quanto emo ed effemminato, entra dalla finestra della camera da letto di Bella tutte le notti. Nel bosco intorno alla città si aggirano Lupi Mannari, grossi come Suv, uno dei quali è figlio del suo migliore amico, nonché amico di Bella, e anche lui ogni tanto le entra in camera nottetempo dalla finestra. Il buon Charlie, con i suoi baffetti da Magnum P.I., non si accorge candidamente di niente, va in giro come se nulla fosse, ingenuo lui. Non è proprio un fulmine di guerra.

– Viene fuori tutta l’anima da puttanazza stronza di Bella. Continua a fargliela annusare a Jacob, ma si nega sempre: “Sei il mio migliore amico, non rovinare tutto“, lui: “Va bene, ma lotterò fino alla fine!“, lei: “Sì, continua a lottare per me“. Lui invece di trasformarsi in Lupo Mannaro e sbranarla, è contento. Nelle liti Bella non prende le parti né di Jacob né di Edward, anzi gode ad essere contesa. Alla fine arriva a baciare Jacob davanti a Edward e il Vampiro, invece che staccarle la testa a sberle forti, le dice di pensarci bene e decidersi.

– Visto quanto detto sopra, si evince che Jacob ed Edward sono due zerbini. Due molluschi senza spina dorsale in balia di una stronza che, oltre alla faccia, ha pure il cuore di pietra. Cagna maledetta!

– Edward si rifiuta di fare sesso con lei perché è troppo forte e ha paura di non controllarsi e sventrarla ucciderla durante l’amplesso. Questo un po’ lo capisco, devo ammetterlo mi sono immedesimato in Edward per questa cosa. Anche io ho quel problema lì, i 23 secondi netti più pericolosi in assoluto per la mia partner.

– Bella continua a chiedere ad Edward di essere trasformata in Vampiro. Edward non vuole perché non gli va che Bella perda la sua anima… senza spiegare che cosa voglia dire questo. Un Vampiro è fortissimo, velocissimo, ha un potere opzionale in genere figo, è praticamente immortale, rimane per sempre dell’età in cui è senza invecchiare mai, non ha bisogno di dormire e quindi ha quelle 6/7 ore in più al giorno per giocare con la Playstation e può innamorarsi e fare sesso come prima. Perché uno sano di mente non vorrebbe diventare un Vampiro?! Perché brilla come un catarinfrangente al sole e deve uccidere qualche cristiano per vivere? Ma fottiti, dimmi dove devo firmare!

The Twilight Saga: Breaking Down – Parte 1 (2011) regia di  tratto dall’omonimo romanzo di .

Questo e il prossimo film, sono tratti da un libro solo, quindi, se possibile, succede ancora meno di quello che è successo nel film precedente.

Bella ed Edward si sposano. Un matrimonio bellissimo, ci sono tutti, ma proprio tutti tutti. Partecipano i Vampiri buoni di tutto il mondo, mancano solo Jacob, che è nel bosco a rosicare, e quei due non morti di Enzo Miccio e Carla Gozzi, che avevano già un impegno.

Finalmente il padre di Bella vede la casa dei Cullen, hanno un crocifisso di legno gigante ai piedi delle scale tra le altre cose, e nota un quadro enorme fatto con tutti i tocchi dei diplomi che hanno preso i fratelli Cullen. La cosa gli sembra inquietante, ma ancora non capisce. Il suo acume mi ricorda qualcosa…

Bella ed Edward partono per il loro viaggio di nozze in Brasile. Che, per un Vampiro che non può stare al sole, è la meta ideale.

Per fortuna Carlisle, il padre adottivo di Edward, ha regalato loro un’isola deserta al largo delle coste del Brasile, così possono stare tranquilli.

È la prima notte di nozze, Bella convince Edward a fare sesso… da notare i preparativi di Bella per la notte, tra cui la depilazione delle gambe con il rasoio, evidentemente si è sposata con le gambe pelose.
Lei è sexy e invitante come un ceppo di legno da ardere. La prima notte è bellissima, dolcissima, tenerissima, Edward per non farle del male spacca tutta la stanza.

If you know what I mean…

La mattina dopo Bella si sveglia tutta contenta e leggiadra, che sembra una ballerina, ma scopre di essere piena di lividi, nemmeno fosse andata al Fight Club.

La vacanza si svolge in modo meraviglioso, solo che a Bella girano le balle perché Edward, durante le escursioni nella giungle, non fa fatica, mentre lei per stargli dietro ha tutto il culo sudato.

Dopo qualche giorno, mentre Bella fa colazione con burro di arachidi e un pollo arrosto intero, scopre di avere un ritardo… è incinta!

Dramma. Tornano subito a Forks e bella viene tenuta a casa dei Cullen curata da Carlisle, che è un dottore. A quel bambascione di suo padre dice che ha preso un virus intestinale e va a curarsi in Svizzera.

Ora c’è la tragedia: i Licantropi vogliono ucciderla per questa gravidanza contro natura. Jacob si oppone, lascia il branco e va a pattugliare la casa dei Cullen per tenerla al sicuro.

Ora, un Vampiro, che in teoria dovrebbe essere un non-morto, riesce a generare la vita. No, davvero, ancora non riesco a vedere lati negativi per cui non vorrei essere un Vampiro.

La gravidanza di bella intanto scorre spedita, in poco tempo è già quasi al termine. Il problema è che Bella deperisce, come se il mostro bimbo che porta in grembo la stesse prosciugando. Inutile dire che Jacob ha le palle in giostra.
Provano di tutto, alla fine scoprono che solo se beve sangue umano riprende le forze. Quindi le danno delle sacche di sangue nei bicchieri del McDonald.
Però vuole già bene a quella bestia bambina, perché è femmina, e decide che la chiamerà Renesmee, unendo i nomi delle due madri. Bel nome, si pronuncia ruttando.

Purtroppo nutrirla a sangue non serve. Ad un certo punto, Bella, mentre è in piedi, si spacca in due e cade a terra. Devono farle un cesareo d’urgenza, senza anestesia.

La bambina nasce e bella muore. In un tentativo disperato di salvarla, Edward tira fuori un siringone da elefanti pieno del “suo veleno” e glielo spara nel cuore. Ecco, i Vampiri possono estrarsi con una siringa un liquido d’argento che, se iniettato, trasforma in Vampiri… di questo parlavo ieri, con una roba del genere tra le mani, visto che suoni tutti buoni che nemmeno i Mini Pony, la cosa migliore che riescono a fare è andare al liceo a oltranza?
Dopo la siringata Bella non si riprende. Edward allora va avanti quelle 6 o 7 ore a farle un massaggio cardiaco. Poi, disperato, la morde ovunque. Niente, lei è morta. Tutti noi a fare la ola.

Jacob vuole uccidere la bambina, ma appena la vede subisce l’imprinting.
Cos’è l’imprinting in questa marea di puttanate? Quando un Licantropo trova la persona giusta, si lega a lei per sempre e la amerà e proteggerà senza sosta. Nei film c’è tutta una storia di uno dei Lupi che ha subito l’imprinting con una tiza, ma sta con un altra, ma è una roba davvero patetica e noiosa, che non son stato lì a riportarla, anche perché serve solo ad allungare il brodo.

In ogni caso nel corpo di bella succede qualcosa e apre gli occhi di colpo! Tutti rossi, come se si fosse fatta una canna!

TA DA DA DA…

Fine del film.

The Twilight Saga: Breaking Down – Parte 2 (2011) regia di  tratto dall’omonimo romanzo di .

La bambina è nata e ha la faccia fatta male al computer per quasi mezzo film. Cresce a vista d’occhio.

Notate la fissità nello sguardo

Bella purtroppo sta bene ed è in forze, visto che finalmente si è trasformata in Vampiro.

Quando viene a sapere che Jacob ha avuto l’imprinting con Renesmee si incazza e lo sbatte contro gli alberi, ‘sto pedofilo, pulcioso che non è altro!
Quando sa che lui la chiama affettuosamente Nessie, come il mostro di Lochness, si incazza ancora di più e prima gli tira i pugni, poi lo sbatte un altro po’ contro gli alberi. Penso sia una delle scene più esilaranti che abbia visto di recente. Ma non credo volessero davvero far ridere.

Che succede per il resto del film? Niente come al solito.

Alice, la sorella Cullen figa che vede il futuro, sparisce nel nulla e nessuno sa perché.

I Volturi vengono avvertiti della presenza di questa bambina e allora partono da Volterra per farsela consegnare.
Nel film non si dice come facciano a viaggiare, ma io me li vedo che vanno tutti insieme, sono tipo un centinaio, vestiti da Vampiri emo-goth con i cappottoni neri fino ai piedi, in macchina fino all’aeroporto di Pisa. Poi prendono l’aereo per Roma. Da lì la coincidenza per New York. Nella Grande Mela devono aspettare il primo volo per Seattle, dal momento che non credo che Forks abbia l’aeroporto. Una volta arrivati a Seattle prendono 25 taxi e si fanno portare a Forks. Lì arrivano stanchissimi, prendono qualche stanza nei motel della zona per riposarsi prima dell’incontro.

Alice, da non si sa dove, avverte i Cullen dell’arrivo dei Volturi, quindi loro cominciano una chiamata dei Vampiri buoni di tutto il mondo per fronteggiare il nuovo pericolo. Si alleano anche con i Licantropi, che Jacob da quando ha avuto l’imprinting non capisce più un cazzo.

Bella scopre che il suo potere secondario è non subire i poteri degli altri, chiamato con molta fantasia Scudo, e può usarlo per difendere chi vuole, proiettandolo.
Ovviamente non ci riesce subito, ma siamo tutti certi che al momento opportuno ci riuscirà.

Il film è tutta un’adunanza e Vampiri che parlano di robe noiosissime e inutili, arriviamo al clou.

I Cullen and Friends si trovano faccia a faccia con i Volturi.

Aro, il cattivissimo capo Volturo, vuole la bambina. Loro non gliela vogliono dare, ma ecco che torna all’improvviso Alice.
Il potere secondario di Aro è sfigatissimo: può leggere il pensiero come Edward, ma deve toccare la gente, sennò non può.
Alice si fa toccare le mani e scoppia la guerra. Muore un sacco di gente, anche alcuni protagonisti, tra cui padre e madre Cullen, qualche lupo, e alla fine pure Aro viene ucciso da bella ed Edward… ma è tutto un sogno, o meglio, Alice ha fatto vedere ad Aro cosa sarebbe successo se avessero combattuto.
Inspiegabilmente Aro decide che forse è meglio non combattere e se ne va con tutti i volturi.

Alice era sparita perché cercava un altro figlio di un Vampiro e una umana. L’ha trovato nella giungla tropicale in America del Sud, è Nahuel, ha 100 anni, ma ne dimostra 20, è vestito come un indio, può nutrirsi come un umano o come un Vampiro, dipende da cosa ha voglia, la maturità l’ha raggiunta dopo 7 anni dalla nascita.
Questa cosa fa felici tutti quanti.
Soprattutto Jacob che è già barzotto, non deve aspettare troppo che Renesmee si sviluppi, sette anni non sono poi molti, chiedetelo a Brad Pitt quando è andato in Tibet.

Solita fine nel campo dei fiori con Bella ed Edward che chiacchierano e lei decide di abbassare lo scudo per permettere a lui di leggerle finalmente nel pensiero… sembra una cosa molto romantica, ma è una punizione atroce, perché lei ripensa a tutti e 5 i film, dall’inizio alla fine. Li manda avanti veloce però.

Così si conclude lo strazio di Twilight. Sabato ho già appuntamento con un ipnotista per farmi cancellare la memoria.

Prima di chiudere volevo spendere due parole sulla colonna sonora composta, per tutti i film, da una serie di pezzi emo-punk-dark-gothic-lagna, di quelli lentissimi che in genere ascoltano gli emo quando si tagliano le braccia.
Ora so cosa ascoltare in caso volessi una colonna sonora mentre mi suicido.

Menzione d’onore va per gli effetti speciali. Si vede che la produzione ha speso davvero pochissimo per massimizzare i guadagni.
I Lupi Mannari sono fatti malissimo, oltre al fatto che si vede che sono al computer, sono pure integrati male nelle scene, luci e colori completamente sbagliati.
Gli effetti dei Vampiri che corrono velocissimi, sono riciclati da quelli del telefilm di Flash degli anni ’90. Una roba talmente pezzente che fa quasi tenerezza. Un tuffo indietro di 20 anni.
La ciliegina sulla torta è la resa di Renesmee. Probabilmente volevano farla sempre assomigliante alla bambina che la impersona nell’ultimo pezzo di film, quindi hanno creato una bambina al computer per quando è appena nata e hanno sovraimpresso una faccia ringiovanita a quella più piccola durante la crescita. Il risultato è aberrante, con gli occhi che se ne vanno per i cazzi loro, a volte più vicini, a volte più lontani, in genere disallineati perché hanno un’inclinazione diversa a quella del resto della faccia. A tratti fa quasi impressione.

Non ho parlato di regia e sceneggiatura, dialoghi e tutto il resto, perché la cosa sarebbe davvero ridicola. Sono a livello di sceneggiato televisivo. Nonostante siano 3 i registi che si avvicendano dietro la macchina da presa, non si nota alcuna differenza tra un film e l’altro.
Per tutti e 5 i film non c’è un solo momento di pathos o tentativo di far appassionare alla vicenda. I personaggi sono bidimensionali e le situazioni prevedibili.

Si ha davvero la sensazione che i film siano una vetrina per i 3 protagonisti, per dare il pretesto alle ragazzine urlanti di vederli, spendendo i soldi per i biglietti del cinema, i dvd, i poster e tutte le minchiate a cui sono riusciti ad apporre il marchio Twilight.

Una cosa è certa, non farò mai più un’impresa del genere…

 

 

Post precedente:

Twilight, una se… saga sui Vampiri – Parte I

Post correlati:

C’erano una volta i Vampiri

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"