Yaoi, no grazie!

Apro il post, che mi è stato richiesto a gran voce sulla pagina Facebook, con le premesse del suo gemello: non ho nulla contro l’omosessualità in fiction, film, telefilm, se sensata e motivata e non usata solo per tirare su qualche soldo in più (un po’ come le morti & resurrezioni che nemmeno Gesù può competere), che userò la parola yaoi e non slash, perché con la seconda mi sembra di parlare di un chitarrista Rock, e che parlo per esperienza e diretta visione del fenomeno nelle parti più oscure del fandom.

Ad esempio, nelle serie Tv Sherlock, lo Sherlock Holmes dei giorni nostri accenna al fatto di essere gay, anche se non lo esplicita chiaramente, lo manda a intendere a Watson nella prima puntata. Va benissimo, è una caratterizzazione, è nel mistero e nel fascino del personaggio. Nella serie Tv, poi, non vediamo Sherlock provarci con Watson come se non ci fosse un domani, oppure vediamo i due avvinghiati in bollenti scene d’amore.
Però sul web le cose per i due investigatori sono andate ben oltre.

Quindi è sempre lo stesso discorso, non è il problema se un personaggio sia gay o meno, ma se questa è una caratteristica del personaggio e non una scusa per rappresentare delle fantasie sessuali di chi si inventa queste storie. Soprattutto se poi in queste storie i personaggi vengono snaturati per abbracciare, appunto, quelle fantasie.

Come effettivamente succede con le coppie più astruse che ho trovato in giro.

La prima, mi spiace per gli amici fan di Game Of Thrones, riguarda proprio questo telefilm.
Pochi giorni fa, girellando per Deviantart cercando piccole opere d’arte sulla brava gente di Westeros, mi capita sott’occhio una fanart che mi ha fatto drizzare i peli delle sopracciglia.

Una fanart sulla coppia Jojen Reed e Bran Stark.
Lo so che è assurdo, ma credetemi. C’è. Esiste.
Facciamo mente locale per coloro che non seguono la saga cartacea o televisiva. Chi sono costoro?
Bran è il penultimo figlio del fu Ned Stark, paralitico, portato in giro dal buon Hodor, in fuga dalla sua stessa casa con il fratellino, i loro Metalupi, Osha e i fratelli Reed, figli di un lord alleato di Ned.
Jojen Reed è appunto uno dei due ragazzi (l’altra è Meera) incaricati dal padre di proteggere e guidare Bran nella sua fuga e nella scoperta delle sue capacità.
Ora, i due fanciulli qui sopra citati sono poco più che bambini. Maturati in fretta, sì, ma pur sempre bambini.
Sono omosessuali? Scopriranno di essere omosessuali? Chi lo sa, nei libri e nella serie Tv non c’è alcun accenno alle loro tendenze sessuali. Da grandi potrebbero stare insieme? Chi lo sa, potrebbe essere, come no, Giorgione Martin tende più ad uccidere i personaggi che a farli innamorare.
Ma personalmente trovo assurdo fare di questi due una coppia yaoi. Ripeto, sono bambini, per l’amor di Zarquon, bambini!
Va bene, Bran ha già suo malgrado visto le “cose” che fanno i grandi, e ne ha pagato le conseguenze. Mi sa che gli sarà rimasto il trauma, povero bambino.
Questa è una coppia che veramente mi ha lasciata allibita. Tra tutti i millemila personaggi/carne da macello che c’erano vanno a prendere proprio due bimbi? Ma a sto punto ci starebbe bene anche una SamxGionsnò! E non vorrei tirarmi la zappa sui piedi, magari esiste sul serio. Dopo quella fanart non ho avuto il fegato di controllare, non abbiatemene.

Jojen Reed e Bran Stark

La prova che la coppia, per le yaoiste, esiste

La seconda coppia che vorrei andare ad esaminare è, e qui gli insulti pioveranno a catinelle, la HarryxDraco, o Drarry per gli amici del settore.
Personalmente non l’ho mai capita. Leggendo i libri e guardando i film non ho mai trovato che tra Harry e Draco vi fosse della “tensione sessuale“, citando parole di alcune amiche pro Drarry, o della tenerezza nascosta negli insulti e nelle legnate che si tiravano.
Quando Draco insulta Harry, vedo solo cattiveria e un pizzico di sadismo. Quando si prendono a bacchettate (sì, sì, ah ah, sembra un doppio senso) non ci vedo tenerezza, ma solo desiderio di farsi a vicenda la faccia a strisce!
È vero, tra di loro c’è una sana competizione, nell’ultimo libro/film Harry gli ha salvato i capelli platinati, ma con ciò? Basta questo a rendere due persone che si sono tirate i coltelli per anni improvvisamente una coppia che corre felice verso un orizzonte di caramelle gommose e bacchette rosa?
Io credo di no. Credo che il buon Harry abbia salvato Draco per compassione o pietà, non per partire con lui alla volta dell’Isola dell’amore. Credo che chiunque l’avrebbe fatto, al suo posto. Va bene avere dei conti in sospeso con qualcuno, ma siamo umani, non bestie.

Draco Vs Ron

Quel che le yaoiste sognano (per testimonianza)

Continuiamo a navigare nel mondo di Harry Potter passando dalla HarryxDraco alla HarryxRon. Sì, esiste, come volevasi dimostrare. Credevate che il rosso Weasley fosse stato risparmiato dalle yaoiste? Illusi.
Anche qui non vedo il senso della coppia: non mi pare che uno dei due si sia mai infilato nel letto dell’altro mentre Neville russava e Seamus e Dean dormivano come ghiri, come capita in certe fanfiction, o almeno, zia Row non ce l’ha mai raccontato e non credo lo racconterà mai, visto come si sono ritrovati diciannove anni dopo.
Andiamo ad analizzare un po’ il rapporto tra i due: Ron è il primo della sua età ad accogliere Harry nel mondo della magia, il suo primo amico, il suo unico vero amico. C’è sempre stato, per lui, sempre nell’ombra, sempre il secondo, ma non lo ha mai lasciato, a parte la breve parentesi nel settimo capitolo. Mi è sempre piaciuto il loro rapporto di profonda amicizia e stima, perché anch’io avrei desiderato avere un rapporto di fiducia e rispetto così profondo con qualcuno.
Perché rovinare un così bel rapporto e trasformarlo in storie di puro sesso? Non ne capisco il senso, davvero.
Perché, e con questo lascio in pace la gente di Hogwarts, non scrivere una storia su Silente e Grindelwald, dato che, a quanto pare, avevano avuto una liaison? Sinceramente troverei molto più affascinante e piacevole una storia su loro due che la solita Drarry o Harryxqualunqueragazzocherespiri.

La terza coppia che andrò a presentarvi arriva direttamente dal tenebroso mondo di Supernatural. Sto parlando della DeanxSam.
Qui ci troviamo di fronte allo stesso discorso della Thorki: i protagonisti sono fratelli? Bene, mettiamoli insieme!
Perdonatemi, ma non capirò MAI, nemmeno sotto tortura, perché alcuni sono fissati nel voler mettere assieme i consanguinei. Questi poveri ragazzi sono fratelli naturali, non c’è manco la scusa del fratellino adottato, ammazzano Demoni, vanno a braccetto con gli Angeli, tra poco si fanno anche una partita a briscola con Shiva e la cosa che più interessa, solo ad alcuni per fortuna, è se questi poveri cristi limoneranno mai.
Ma concentrarsi su altro, mi chiedo io? Sugli scontri, sui rapporti tra i personaggi, sull’affetto fraterno (e sottolineo centomila volte fraterno) tra i due protagonisti?
No, evidentemente non mi è dato scoprire il magico mondo della DeanxSam. Mi spiace, ma non ne colgo il fascino, da qualsiasi lato lo guardi.

Dean e Sam

Non credo ci sia bisogno di una didascalia

Vorrei visionare velocemente un’ultima coppia, che secondo me è l’unica tra tutte quelle esaminate in questo post e in quello precedente che potrebbe avere senso: una Jack Harknessxqualunqueragazzocherespiri. Come i miei compari Whovian (e anche amici del settore Torchwood) sanno bene, Jack è un uomo che non si fa problemi. Che tu sia uomo, donna, terrestre o betelgeusiano, con le ali o con le squame, se ci stai, sei il benvenuto. Jack è davvero un messaggio di amore tra le specie senza distinzione di sesso. L’amore non conosce confini, no? Se sei Jack Harkness, letteralmente.

Concludo il post con il solito slogan che fa tanto urlo di battaglia: BASTA allo yaoi senza senso!

 

 

Post precedenti:

Yaoi? No grazie!

 

 

Trillian Astra

Scritto da: Trillian Astra

Era una ragazza strana. Alla voce "hobby" c'era scritto "autopsie".