GTA V

Grand Theft Auto V, GTA V per gli amici, è uscito da un mese esatto.
Ne hanno parlato tutti, ma proprio tutti, compresa Famiglia Cristiana, e un paio di voi mi hanno chiesto se ne parlavo anche io.

Visto la mole di recensioni e articoli vari che sono stati sprecati spesi per ‘sto gioco mi riesce un po’ difficile dire qualcosa di nuovo o che non sia già stato detto. Però ci provo, dopo aver accumulato circa 25 ore di gioco e in un periodo in cui non frega più niente a nessuno.

Faccio una premessa: chi adora GTA V e chi non ha il minimo senso critico è meglio che non legga il resto di questo post. Anche i bimbiminkia e i fanboy dovrebbero astenersi dal leggere.
Chi ha voglia di sentire il parere di uno che non spara i 10 perché: “Minkia è il gioco del millennio, OMG!!!!1!!11!1!“, vista tutta l’hype su ‘sto gioco accumulata, può continuare a leggere.

GTA V e The Last Of Us sono gli unici due giochi in questa generazione ad aver preso il massimo dei voti praticamente ovunque. Secondo me The Last Of Us, per quanto bello, non lo meritava, ancora meno lo merita GTA V. Lo dico subito così siete ancora in tempo a smettere di leggere se la cosa vi turba.

Però dei voti me ne frega relativamente, la cosa importante è: mi è piaciuto?

La risposta è così così.

Rockstar North, gli sviluppatori di Rockstar Games, hanno fatto tesoro delle critiche ricevute con GTA IV e con quel capolavoro di Red Dead Redemption e hanno sviluppato, tra il suicidio di un programmatore e l’altro, questo GTA V.
Ovviamente non essendo degli imbecilli hanno cominciato prendendo i due GTA più apprezzati in assoluto, San Andreas e Vice City, hanno usato il motore grafico di GTA IV, ulteriormente raffinato, si sono fatti aiutare anche dagli altri team di sviluppo per sistemare il sistema di mira/sparatorie, preso di peso dall’altro capolavoro Max Payne 3, il sistema di guida molto valido di Midnight Club e hanno sfornato il nuovo GTA.

GTA V - Città

Vidi o’ San andreas quant’è bella… ‘spira tanto sentimiento…

Devo dire che tornare a San Andreas con quella grafica tutta nuova è davvero bello, riconoscere i posti e andare nei vecchi quartieri mi dà un piacevole senso di deja vù.

Purtroppo il sistema di guida dei velivoli, aerei ed elicotteri, non è altrettanto rifinito. Niente di particolarmente grave, finché non cominciate a sputare bile per il nervoso di non riuscire a manovrarli come si deve e con precisione. Magari sono io che non sono capace, nonostante abbia superato tutta la scuola di volo con l’oro in ogni prova, però quello che ho notato è una certa “mancanza di peso” dei mezzi volanti o, per meglio dire, i controlli troppo sensibili.
Magari nella realtà, perché a quello si punta nonostante tutto, è davvero così difficile pilotarli, anche se son convinto che, se fosse davvero così difficile, ora andremmo negli Stati Uniti ancora con le navi.

GTA V - Elicotteri

Al mio 3 faccio una manovra che muoriamo tutti! 1… 2… e 3!

Ma queste sono pecche veniali, proprio da uno che vuole rompere le palle, perché per il resto il comparto tecnico di GTA V è davvero eccezionale. Fin troppo.
Lo so, ora arriveranno i fan del PC a dire: “Eh, ma se il gioco fosse uscito per PC allora sarebbe meglio e gne gne gne, Prrrrrrrrrr!!!!“.
Sì, se fosse uscito, ma siccome non è uscito si parla delle versioni di PS3 e 360 e vale sempre quello che diceva mio nonno: “Se fossi nato con le ruote, sarei un Tram!
Comunque per quelli che lo aspettano per PC, ho una sorpresina finale…

GTA V - PC

Ma quando cazzo esce per PC?!

Quello che davvero non mi piace è tutto il resto: personaggi, storia e le cose da fare a latere della trama principale.

Personaggi e storia sono direttamente collegati tra loro. La trama principale a me, sinceramente, non è molto chiara, mi sembra che manchi uno scopo, un obiettivo da raggiungere. Si sviluppa piano, forse troppo piano e viene mandata avanti dalle missioni dei tre personaggi principali, ma se uno mi chiedesse di che cosa parla GTA V non saprei riassumerlo meglio di: i 3 personaggi principali, Franklin il babbeo, Trevor lo psicopatico e Michael il noioso, si mettono insieme per portare a termine una serie di “colpi” e diventare fottutamente ricchi.
Magari per alcuni può essere più che sufficiente, ma per me no.
Per dire in Red Dead Rdemption la trama era chiara fin da subito, le premesse c’erano e John Marston viveva un sacco di avventure inseguendo quell’obiettivo finale. In GTA V invece mi sembra di giocare ad una serie di missioni collegate tra loro solo dai personaggi, non mi sembra che niente si evolva veramente e non vedo un fine ultimo, un po’ come succedeva nelle sit com, tipo I Robinson, che ogni puntata era a sé pur mantenendo gli stessi protagonisti. Qui è la stessa identica cosa.
Magari è perché sono “solo” a metà del gioco e tutto mi verrà rivelato più avanti, ma davvero la storia non mi prende.

GTA V - Michael, Franklin e Trevor

Il Noioso, il Babbeo e lo Psicopatico sono la Squadra Stereotipi

I personaggi, poi, sono abbastanza stereotipati senza alcun guizzo creativo se non nell’interpretazione. Sono recitati bene, ma non mi dicono niente. Il più divertente è sicuramente Trevor, ma questo perché tutti i fuori di testa sono divertenti, per il resto calma piatta. Devo essere sincero, Franklin mi sembra un assoluto idiota, nelle cut scene è sempre lì a lamentarsi che non vuole fare questo e quello, poi appena finisce la scenetta d’intermezzo dice: “Ok, andiamo!
Ma come “Ok, andiamo!” se fino ad un secondo fa dicevi di non voler partecipare alla missione perché troppo pericolosa o avevi qualsiasi altra scusa?!

Uno potrebbe dire: “Ma allora, perché ci giochi?
Perché la maggior parte delle missioni sono divertenti, anche se alcune si assomigliano un po’.
In GTA IV il difetto principale era la noia mortale, tutte le missioni erano uguali: prendi la macchina, guida fino all’altro capo della città, uccidi il tizio, torna indietro. il tutto senza check point in mezzo, quindi se morivi mentre tornavi indietro dovevi rifartela da capo.
Qui i check point li hanno messi, per fortuna e quindi non bisogna ogni volta ricominciare da capo… anzi, ora c’è pure il tasto per saltare la parte che non riesci a fare dopo 3 volte che muori. Da un estremo all’altro.
Nelle missioni di GTA V  la vera cosa divertente è il di poter cambiare i 3 personaggi in tempo reale mentre svolgi la missione. Questo aiuta a variare un po’ e non fare sempre le stesse cose. Così si può fare il cecchino, pilotare l’elicottero e sparare da terra quando si vuole, basta saltare da un personaggio all’altro, il che rende il tutto meno monotono.
Lo switch tra i personaggi è anche utile per non doversi fare tutta la strada di ritorno quando si finisce una sezione e sei dall’altro capo del mondo.
Il problema, però, è che spesso sono switch imposti dal gioco. Ad esempio può capitare che mentre 2 stiano facendo lo scontro a fuoco da terra, il gioco ti impone di prendere i comandi del cecchino per far fuori gli agenti appostati sui tetti e poi ti costringa a tornare su uno degli altri due per la fuga.
In generale le missioni sono molto guidate, anche se durante la pianificazione puoi decidere come affrontarle, non cambiano molto. Cambia l’approccio, ma il risultato è sempre quello: se decidi di rapinare una gioielleria con il gas narcotico, tutti all’interno del posto si addormentano; se decidi di rapinarla con la forza, tutti si accovacciano. Cambia solo che nel primo caso devi andare sul tetto a buttare il gas nel condizionatore, nel secondo quella parte non c’è.

Una cosa che mi piace è la critica feroce alla società moderna di Facebook, dei reality show, della superficialità, dell’economia globale malata, dell’imebicillità generalizzata. Anche se a volte è così esasperata da risultare stucchevole.

GTA V - Critica

Come criticare anche chi gioca al gioco che critica tutti

Però la cosa che davvero non riesco a capire è lo scopo di fare tutte quelle cose secondarie, non obbligatorie, che hanno inserito, come ad esempio giocare in borsa o navigare sull’internet di quel mondo.
Cosa serve accumulare soldi giocando in borsa? Cosa serve diventare ricchi? Ok, uno si compra le case e le macchine e lo yatch e tutto quello che vuole, ma a che cosa serve se non influenza in alcun modo la storia?
Soprattutto, a che cosa serve accumulare un sacco di soldi se il gioco è strutturato in modo da darti tutto quello di cui hai bisogno per svolgere una missione nel momento stesso in cui fai la missione?
Io senza aver mai giocato in borsa ho accumulato un sacco di milioni di dollari: per che cosa li uso? Mi ci pago il mutuo della casa vera? No. Michael con tutti quei milioni decide che non ha più voglia di fare il malvivente e parte per un’isola deserta lasciando Franklin e Trevor a sbattersi? No, rimane lì, multimilionario, a rischiare di morire nell’ennesima rapina fuori di testa… e allora a che cosa serve?!
A niente, e infatti non lo faccio.

Trovo invece divertenti le attività tipo il golf, il paracadutismo e il tennis, sviluppate anche in modo decente, una variazione anche rilassante, anche se un po’ fini a se stesse e che non influenzano molto lo sviluppo del gioco.
Invece non trovo interessante recarsi agli Strip Club. Una volta forse poteva essere dissacrante e provocatorio, oggi invece non ha più quel valore, si è visto troppe volte anche in altri giochi, è diventata un’attività normale che non provoca più.

GTA V - Provocare

Tutto molto provocatorio, almeno per la polizia

In sintesi GTA V è un bel gioco, ma non è il gioco definitivo che tutti hanno dipinto, almeno per me.
Mi dà la sensazione che tutto il comparto tecnico ipertrofico sia un po’ sprecato perché non è supportato da una sceneggiatura all’altezza. Per rendere meglio l’idea, è la stessa cosa che è successa a Christian Bale in L’Uomo Senza Sonno: è dimagrito fin quasi alla morte per un film di merda.
I 260 milioni di dollari, dichiarati, per lo sviluppo del gioco son sicuro che non sono andati per la fase di scrittura. Il miliardo di dollari incassato da Rockstar spero venga reinvestito per un nuovo GTA VI che, stavolta, sia effettivamente coinvolgente.

Volevo parlare dell’online, ma ho avuto una marea di problemi di connessione ai server, personaggi cancellati e, quando finalmente sono riuscito a giocare, non son riuscito a finire il tutorial perché in giro ci sono i branchi di stronzi la cui unica missione di vita è quella di rompere i coglioni agli altri giocatori.
Una cosa la posso dire però, visto tutti i soldi che Rockstar ha incassato con la vendita del gioco, praticamente dopo una settimana non c’era un negozio a Milano che l’avesse, poteva risparmiarsi le microtransazioni all’interno dell’online per acquistare i dollari del gioco. Questo significa essere proprio dei mortaccioni e avvantaggiare quelli che hanno voglia, o possibilità, di spendere altri soldi.

GTA V - Online

Le bande di stronzi

Ora veniamo ai PCisti.

Pare che i servizi segreti di Sony e Microsoft abbiano allungato mazzette a Rockstar per tenere il gioco solo su console.
Ma, grazie alle mie spie, sono riuscito a scoprire che non solo GTA V uscirà anche per PC, ma anche il formato e avere una foto dell’edizione speciale del gioco.

GTA V per PC uscirà in dischetti da 1,44 Mb.

GTA V - PC

Il formato del futuro

In 2084 dischetti per la precisione.
La cosa fantastica è che non ci sarà bisogno dell’installazione, ma funzionerà come per l’Amiga 500 con lo swap dei dischi: ti avvicini alla porta, premi azione e…

INSERIRE IL DISCO 3… Trrrr… Trrrr… INSERIRE IL DISCO 1536… Trrrr… Trrrr… INSERIRE IL DISCO 207… Trrrr… Trrrr… INSERIRE IL DISCO 2081… Trrrr… Trrrr…

… si sente il rumore della porta che si apre.

I dischi saranno contenuti nell’Edizione Speciale Uber Limitata di GTA V per PC che sarà un Ducato bianco veramente funzionante per andare a fare le rapine proprio come nel gioco.

GTAV - Ed. Speciale PC

Il tutto per la modica cifra di 35.000 €

 

 

Tutti i post sui videogiochi:

100 colpi di Pad prima di andare a dormire

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"