I Goonies

ll Nuovo Cinema Amarcord oggi apre con uno di quei film che non ha bisogno di presentazioni e che farà la gioia di tutti i membri del Club Nostalgici: I Goonies!

Ok, prima che calpestiate l’omino che strappa i biglietti cominciamo subito.

Gli anni ’80 sono stati una decade magica e importantissima per noi nerd e, più in generale, per il mondo del cinema. Sono stati prodotti una marea di film che sono entrati nella storia diventando veri e propri cult imprescindibili.

I Goonies - Mappa

Anvedi quanti film nel 1985!

Di quel periodo l’anno migliore in assoluto, quello magico, è stato sicuramente il 1985, come se le Forze Cosmiche della Creatività avessero deciso di concentrarsi tutte in quell’anno.
Il 1985 è un anno importantissimo per noi, infatti sono usciti film come LegendRitorno Al Futuro, D.A.R.Y.L.Rambo II – La Vendetta, Rocky IV, Il Mio Nemico, LadyhawkeVoglia Di VincereYado e, appunto, I Goonies.
Al 1985 anche Mark Millar ha dedicato un fumetto, 1985 appunto, che incarna lo spirito di quegli anni.
Sono davvero dispiaciuto per chi non c’è stato.

I Goonies è la summa perfetta della corrente cinematografica che scorreva in quegli anni: i ragazzi.
I produttori, e soprattutto Steven Spielberg, avevano capito quanto fosse importante la fetta di pubblico composta dai teenager e cominciarono a dedicare loro un sacco di film mettendoli anche al centro della scena, indicandoli come eroi. Erano loro il futuro che si batteva contro le generazioni precedenti, contro gli adulti avidi e rompiscatole, in cerca di una identità che, purtroppo, non troveranno mai.

I Goonies è proprio questo e anche di più.
Scritto proprio da Spielberg, sceneggiato da  e diretto dal  che aveva, in pratica, inventato i cinefumettoni nemmeno 10 anni prima con il primo Superman.

I Goonies - Soffitta

Tutto comincia qui…

I Goonies parla di un gruppo di ragazzini dei Goon Docks, il quartiere povero di Astoria (Oregon), che, dopo aver trovato un’antica mappa, partono per un’avventura incredibile che li porterà a scoprire un tesoro enorme nascosto nell’antico galeone di Willy L’Orbo.
Ma è inutile che vi tedio con la trama, visto che è impossibile che non abbiate visto I Goonies almeno 2867 volte.

Il successo del film è dovuto al fatto che praticamente ha tutto: c’è l’avventura a là Indiana Jones con trappole, tracobbetti, e soprattutto mistero; ci sono protagonisti memorabili in cui è impossibile non identificarsi; ci sono degli antagonisti degni di quel ruolo; c’è l’ironia; le sorprese; c’è l’amicizia immortale che puoi avere solo a quell’età; c’è l’amore; e soprattutto c’è il riscatto e la realizzazione del sogno.

I Goonies - Al completo

Oddio, c’è proprio tutto qui dentro!

Io, con I Goonies, ho un rapporto un po’ particolare. C’è stato un periodo che l’ho odiato, ma poi abbiamo fatto pace e ora lo adoro, è uno dei miei film preferiti. Ogni volta che lo metto su è come rivedere i vecchi amici delle elementari, solo che loro sono sempre identici, mentre io sono cresciuto, purtroppo.

I Goonies - Chunk e Sloth

Il miglior Buddy Team di sempre!

Mikey () è quello in cui identificarsi, il protagonista, l’eroe dalla fede incrollabile e incorruttibile: “No, questi lasciateli, appartengono a Willy…“. Mouth () è il simpaticone strafottente. Data (), con le sue invenzioni e la passione per 007, è sicuramente il più affascinante di tutti. Brad () è il fratellone che tutti vorrebbero avere, rompiscatole, ma è una sicurezza averlo accanto. Andy () è la fidanzata ideale. Stef () è invece l’amica ideale. E poi ci sono i preferiti di tutti: Chunk (), nerd onorario, simpatico pasticcione e mascotte portafortuna del blog, e il mitico Sloth (), l’accoppiata di sfigati che però alla fine salvano tutti.

I Goonies - Ieri e Oggi

Come passa il tempo… quando ci si diverte

I Goonies è un perfetto manuale di come si scrive un film: i personaggi, le situazioni, gli antagonisti, niente è fuori posto niente è lasciato al caso o tirato via tanto per. È un’alchimia perfetta.

La Banda Fratelli ( e ), con  (), sono sia il comic relief, insieme a Chunk e Sloth, sia il pericolo incombente.

I Goonies - Banda Fratelli

– Ragazzino, o ci racconti tutto o ti frulliamo!
– Tutto tutto?
– Tutto tutto…
– Tutto tutto, va bene… vi racconto tutto.

Impossibile non ridere per i loro litigi, ma impossibile non impressionarsi quando Chunk riesce a scappare, ferma una macchina, si accende la luce dell’abitacolo e nello specchietto retrovisore appare la faccia butterata di Robert Davi che canta Il Rigoletto.

Impossibile scegliere le scene preferite o le migliori, perché I Goonies è tutto un film mitico.

I Goonies - Chunk

Lo adoro!

Quelle che mi piacciono sempre sono sicuramente tutte quelle con Chunk: la Danza del Ventre, tutte le volte che dice: “Giuro su Dio!” con quella R moscia del doppiaggio italiano. La scena dove confessa le sue nefandezze mi fa morire dal ridere tutte le volte ed è bellissimo il suo primo incontro con Sloth incatenato che si dividono il Babe Ruth, per non parlare di quella epica in cui arrivano al salvataggio degli altri sul galeone, con sloth che si lancia sulla vela con il coltello, arriva giù, si strappa la camicia rivelando la S di Superman: “Super Sloth!“, piccola citazione autoreferenziale che si è concesso Donner con tanto di tema musicale di John Williams.

I Goonies - Super Sloth

Super Sloth!

Per non parlare della mitica scena della confessione di Chunk che è da imparare a memoria!

Di citazioni e curiosità che ce ne sarebbero davvero un’infinità, eccone alcune.

I Goonies - Telefonata

Polizia?

Quando Chunk chiama la polizia per denunciare la banda Fratelli, il poliziotto gli risponde: “È un altro falso allarme, come quando dicesti che la città era invasa da mostriciattoli che si moltiplicano con l’acqua?” è un riferimento a Gremlins film scritto sempre da Chris Columbus e prodotto da Spielberg solo l’anno prima.

La scena in cui Brad, rubata la biciclettina di Barbie alla ragazzina per inseguire suo fratello Mikey e gli altri Goonies, incontra quello stronzo di Troy che lo blocca alla sua macchina e alla fine lo fa volare fuori strada, voleva essere un omaggio alla celeberrima scena delle biciclette volanti di E.T. di Spielberg.

Nella versione italiana del film, la nuova governante dei Walsh si chiama Rosalita e Mouth traduce in spagnolo le indicazioni della signora Walsh spaventandola a morte con droga, torture ecc… ecc…
Nella versione spagnola del film, la governante si chiama Rosanna e Mouth le traduce le cose in Italiano.

Sempre rimanendo in casa Walsh, nel film il personaggio di Josh Brolin, Brad,  in realtà si chiama Brandon. Ecco, Darren Starr, produttore di Beverly Hills 90210, ama così tanto I Goonies da aver chiamato Brandon Walsh il personaggio di Jason Priestley proprio in onore del film di Donner.
Ok, potrebbe non essere un vanto, ma Beverly Hills 90210 ha rovinato un sacco di ragazzi cresciuti con I Goonies.

I Goonies - Brandon Walsh

Brandon Walsh prima di 90210

L’Infierno, il galeone di Willy L’Orbo, era una riproduzione in scala reale di una nave dei pirati, tanto che le scene d’interni sono state girate proprio all’interno del modello, poi distrutto alla fine delle riprese.
Mentre la nave che si vede veleggiare alla fine del film è solo un modellino in scala, ovviamente.

I Goonies - Galeone

Tutto vero… tranne l’oro

Sulle scene eliminate ho una storia tutta mia.
Come dicevo prima io per un periodo ho odiato I Goonies proprio a causa di queste maledette scene eliminate. La prima volta lo vidi gratis in un matinee in un cinema di Erice prima ancora che uscisse ufficialmente nei cinema.
In quella proiezione il doppiaggio era diverso, ma ancora non lo sapevo, infatti Mouth era chiamato Bocca, motivo per cui io lo chiamo ancora Bocca e poi mi correggo. Ma non solo, nel montaggio erano presenti le due scene che poi nella versione che conoscono tutti sono state tolte.
La prima è quella in cui i Goonies si fermano a cercare una cartina di Astoria, per paragonarla alla vecchia mappa di Willy, e incontrano Troy che ruba loro la mappa e le dà fuoco facendo finta di fumarla. Ecco perché poi Andy non riesce a leggere le note quando deve suonare l’Organo di Ossa con il pavimento che crolla.

La seconda è l’incontro tra i Goonies e la famigerata Piovra Gigante quando arrivano al galeone. La piovra viene sconfitta da Data che le infila in bocca una radiolina a tutto volume e il mostro scappa. Alla fine del film, infatti, la piovra viene citata da Chunk quando si ricongiunge con i genitori.

Alle elementari, e anche da grande, nessuno mi ha mai creduto che avevo visto queste scene e, anzi, mettevano in dubbio anche che esistessero. Ho avuto la mia rivincita, tardiva e quando ormai non fregava più a nessuno, quando uscì il DvD e le scene vennero inserite tra gli extra, anche se non doppiate in italiano.

Però, nonostante odiassi il film, niente mi impediva di giocare ai Goonies con i miei compagni durante la ricreazione.
Avevamo anche trovato La Caverna di Willy L’Orbo, un “buco” sotto le scale della chiesa annessa alla scuola che era il magazzino del giardiniere. Entravamo lì e giocavamo con gli attrezzi durante la ricreazione, disegnavamo mappe sui fogli a quadretti, tutte strappate intorno al bordo, e ci inventavamo mirabolanti cacce al tesoro… io facevo Chunk ovviamente. Tutto questo finché la Banda Fratelli composta dalle Suore della nostra scuola non ci ha beccato dentro la Caverna e ci ha fatto passare la voglia di giocare e di sederci. Minkia se menano le suore!

I Goonies - Mà

Faceva meno paura delle Suore delle elementari…

I Goonies è uno di quei film eterni che si possono rivedere all’infinito ed è uno dei film che sicuramente farò vedere a mio figlio, se mai ne avrò uno, sperando che assorba i mille messaggi presenti nel film: dal valore dell’amicizia, alla determinazione a non cedere di fronte alle difficoltà.
È un film imprescindibile che dovrebbe far parte della videoteca di ognuno e, personalmente, lo vedo una volta l’anno con lo stesso spirito di quando ero piccolo… peccato che non lo sia più.

Nuovo Cinema Amarcord anche per questa settimana chiude, ma potete raccontare nei commenti i vostri ricordi su I Goonies, e sono sicuro che ne avete tanti, che questi film mica ve li faccio rivedere per niente, anche perché…

La prossima volta che vedrai il cielo, sarà quello di un’altra città. La prossima volta che farai un esame, lo farai in un’altra scuola. I nostri genitori hanno sempre fatto quello che è giusto per noi. Ma adesso devono fare quello che è giusto per loro. Perché è il loro momento, lassù. Ma qua sotto è il nostro momento. È il nostro momento qua sotto. E finirà tutto nell’istante in cui salteremo dentro questo secchio.
– Mickey

 

 

Post correlati:

Storie Nerd virtualmente vissute – Parte VII – Lo strano caso de “I Goonies”

Tutti i film del Club Nostalgici:

Nuovo Cinema Amarcord

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"