Uno In Diviso

Vi avevo raccontato che, a ottobre, ero andato a Lucca Comics & Games perché il mio amico Fabrizio, Ultimate Jar Jar Binks qui sul blog, finalmente era approdato alla manifestazione come autore.

Per me è stata una soddisfazione vederlo dietro il banco a disegnare le dediche sul libro e soprattutto sono contento che finalmente è riuscito a fare il primo passo nel mondo del fumetto d’autore dopo un sacco di sacrifici.

Ora ho letto il romanzo a fumetti: Uno In Diviso.

Uno In Diviso è una graphic novel, anche se il termine è riduttivo mi sembra il più adatto, edita da Tunué. I testi sono di Adriano Barone e i disegni di Fabrizio Dori.

Uno In Diviso - Pagina 03

Uno In Diviso è una trasposizione a fumetti dell’omonimo libro di Alcìde Pierantozzi, caso letterario del 2006, e non è per niente una graphic novel facile, tutt’altro. Mi ha ricordato molto come stile e come atmosfere La Trilogia Della Città Di K di Ágota Kristóf.

È un racconto che parla di due gemelli siamesi, Taiwo e Kehinde, attaccati all’altezza del bacino, in una grottesca Y umana. I due fratelli hanno carattere e pensieri completamente diversi, opposti tra di loro, ma sono costretti a vivere in simbiosi, quello che decide uno deve farlo anche l’altro. È un viaggio nel terrore della divisione tra il buono e il cattivo di noi, che non lesina di dire la propria su argomenti come la Chiesa, l’aborto, l’omicidio, la morte, la paura e le conseguenze dello sfruttamento fisico, intellettuale e morale.

Uno In Diviso - Pagina 05

Non è un romanzo a fumetti facile da leggere o facilmente digeribile ed è lontano, molto lontano, sia dai vari Bonelli che dai supereroi. Non è per tutti i palati né per tutti gli stomaci.
Io ho dovuto aspettare di metabolizzarlo prima di scriverne perché non è per niente facile e mi ha preso a livello emotivo.

Adriano e Fabrizio sono riusciti a raccontare cose forti e terribili con delicatezza, muovendosi su quella sottile linea invisibile che separa la realtà dalla surrealtà.

I testi sono leggeri, chiari nella filosofia, eppure potenti nell’esprimere la profondità che aveva il testo originale di Pierantozzi.

Uno In Diviso - Pagina 034

I disegni a prima vista possono sembrare cupi e dark, ma rendono benissimo la visione assolutamente soggettiva e distorta che i due fratelli hanno del mondo.
Sono la cosa che ho preferito, anche in questo caso i disegni sono lontani anni luce dai classici fumetti. Hanno un’atmosfera incredibile, spaziano dal realismo a una rappresentazione onirica della realtà con delicatezza e senza soluzione di continuità, sposandosi alla perfezione con i testi e la crudezza della storia.

Uno In Diviso è un viaggio in un universo parallelo al nostro, non troppo distante, ma filtrato dalla visione dei nostri istinti più basici.

Mi è piaciuto molto leggerlo e Barone e Dori hanno fatto un ottimo lavoro per alleggerire, pur mantenendo la loro forza sconvolgente, le parti più disturbanti del romanzo originale.

Uno In Diviso è un pugno, poi una carezza, poi un altro pugno.

Se volete, potete vedere un anteprima delle prime 15 tavole.

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"