Avere Paura

Prima o poi il post sulla paura, soprattutto sulle mie paure, doveva arrivare.

Io faccio il gradasso, vado a vedere i film horror, scrivo post dove mi immagino di vivere dentro quei film, rido in faccia alla morte e poi in realtà mi spavento per tutto.

Ho un sacco di paure che fanno ridere tantissimo i miei amici e insistono perché io ci scriva su un post, che così mi sputtano anche un po’ con voi.

Vi devo avvisare, quello che segue contiene descrizioni di scene non adatte ad un pubblico di minori, di anziani e di gente facilmente impressionabile. Ergo, se lo leggete e poi vi spaventate, non ve la dovete prendere con me, però sappiate che la cosa mi fa felice.

Non sono allergico a niente, ma in compenso ho un sacco di paure e di fobie.

Togliendo tutte quelle fobie assurde e irrazionali, tipo diventare fan di Gigi D’Alessio; o essere selezionato per il Grande Fratello; o essere assaltato da un abilissimo ladro di vestiti in Piazza del Duomo e trovarmi improvvisamente nudo in galleria; oppure ancora essere morso da un ragno radioattivo, acquisendo la forza e le abilità di un ragno, ma non proporzionate all’uomo, proprio la forza di un ragno pura e semplice, cosa che mi renderebbe inabile anche a respirare, tutte le altre mie paure sono fondate e realizzabili, quindi ancora più spaventose.

Ho la fobia delle cimici. Quei mostri verdi che volano sbattendo ovunque, facendo un rumore fastidiosissimo e che se li schiacci puzzano di mandorle amare, come il cianuro, e se le assaggi sanno di mandorle amare, come il cianuro. Non che le abbia mai assaggiate, ma mi è stato detto da chi ha avuto la sfortuna di farlo e mi ha raccontato che non hanno per niente un buon sapore.

Cimice Verde

Fottuto mostro!

Io le cimici le odio perché su di me hanno un potere paralizzante. Appena sento che ce n’è una in casa che sbatacchia di qua e di là, o, peggio, la vedo, i miei muscoli si bloccano tutti insieme di botto, divento una statua di sale incapace di qualsiasi cosa.
Una volta, moli anni fa quando vivevo ancora in casa con mia madre, era entrato uno di questi esseri mefistofelici in cucina. Subito ho sentito in bocca il sapore del panico, sa di menta piperita e maiale sporco, non chiedetemi come faccio a sapere che sapore hanno i maiali sporchi. Ovviamente non osavo muovermi, tanto non ci sarei riuscito, e ho costretto mia madre a darle la caccia. Eravamo entrambi nella stanza a guardare per aria in cerca del maledetto essere, ma non riuscivamo a vederlo, né sentivamo che volava. Abbasso lo sguardo e vedo che mi fissa ghignando, attaccato alla mia gamba.

Quello che segue è la testimonianza di mia madre, perché io ho come un vuoto di circa 10 minuti.

Mia madre sostiene che mentre era lì che guardava per aria ha sentito una specie di sirena anti bombardamento che partiva alle sue spalle, si gira di scatto e mi vede tutto rosso con la bocca spalancata che emetto lo stesso suono di un’autopompa dei pompieri in emergenza. Le ci è voluto un attimo per prendere la cimice e sbarazzarsene e le ci sono voluti quasi 10 minuti per spegnermi. All’inizio parlandomi, poi prendendomi a sberle forti.

Le cimici le odio anche perché mi causano un forte dolore alla faccia.

Quando me le trovavo in camera mia, e non c’era nessun altro in casa che potesse aiutarmi nell’impresa di sbarazzarmene, prendevo il bastone che usavo quando facevo arti marziali, lungo circa due metri, lo munivo di nastro isolante ad una estremità, poi, usando la lunghezza del bastone come distanza di sicurezza e facendo appello a tutto il mio coraggio, le catturavo appiccandole al nastro. Poi aspettavo che tornasse qualcuno per staccare il nastro e buttare la cimice.

Però non sono le cimici a non farmi dormire la notte.

Devo premettere che fondamentalmente sono ateo, non tifo per nessun dio del grande campionato religioso mondiale. Però, ecco, le cose sovrannaturali mi spaventano. Infatti quando vedo i film dell’orrore sulle possessioni poi rimango sempre un po’ turbato. O meglio, quando vedo L’Esorcista, che gli altri fanno un po’ ridere.

Una mia amica, Cristina, tanto per non fare nomi, un giorno mi condivide su Facebook il corto Lights Out dicendomi che è troppo bello (guardatelo anche voi prima di andare avanti).

Ecco, io come un pirla le ho dato retta e l’ho visto.
In casa mia ci sono ben 2 corridoi lunghi con le porte a destra e a sinistra. Secondo voi, quando devo spegnere le luci, sono tranquillo? No, per niente. Ora quando devo spegnere la luce, lasciando il corridoio al buio, mi sudano le ascelle.
Secondo voi, quando di notte mi sveglio per andare in bagno, sono tranquillo ad accendere la luce sul comodino? No, non sono tranquillo per niente e infatti non l’accendo, vago al buio fino al bagno, cercando con le dita dei piedi tutti gli spigoli e le porte.
A Cristina presto arriverà il conto dell’ortopedico.

È che io sono un ragazzo facilmente impressionabile, ho una sensibilità tutta mia. Pensate che bello quando sono entrato in casa, dopo la mia gita di due giorni a Firenze, e ho visto una luminescenza azzurrognola che risplendeva in soggiorno.
Mi sono avvicinato a chiappe strette cauto all’entrata della stanza e ho visto che la luce veniva dalla lampada multicolore a forma di Fantasmino di Pac Man che ho in salotto.

Lapada Fantasmino Pac Man

BUH! È un caso che una lampada fatta a forma di Fantasmino si sia accesa da sola? Secondo me no…

Essendo io un precisino della minkia, prima di andare via anche solo per qualche ora chiudo e spengo tutto. Quella lampada non si accende con l’interruttore, ma ha un telecomando con cui si pilotano le varie funzioni e sono sicuro che fosse spenta quando sono uscito, anche perché la accendo solo per vedere la Tv.

Telecomando Lampada Fantasmino Pac Man

Ho pensato che ci fosse stato un black out nella zona e che si sia accesa al ritorno della corrente, invece i miei vicini mi hanno detto che non c’è stato alcun black out. Ho anche provato a togliere la spina e a rimetterla, ma non si accende. Ho staccato la luce e l’ho riattaccata, ma non ha alcuna influenza sulla lampada.
Quella notte ho dormito agitato e mi son svegliato tipo ventordici volte con la sensazione di vedere il Fantasmino di Pac Man acceso in salotto.

A proposito di svegliarsi, una delle cose che mi capita spesso è che se mi addormento sdraiato sul lato destro ho gli incubi. È quasi matematico. Forse dipende dal fatto che da quella parte dormiva la mia ex e che, se mi addormento girato verso dove stava lei, sogno le cose brutte.

Ma la cosa peggiore è quando mi sveglio di colpo, ma il mio corpo è paralizzato. È difficile da spiegare. È come se mi si svegliasse solo la mente e il mio corpo dormisse ancora. Mi concentro per muovere mani e gambe o aprire gli occhi, ma non succede niente, sono bloccato, so di essere sveglio, ma non riesco a muovermi. Tutte le volte mi prende la paura che rimarrò paralizzato per sempre, intrappolato in un corpo addormentato, anche se son convinto che non si noterebbe la differenza dal solito, tranne forse per il fatto che non scriverei più qui.

Ora, però, non cominciate a scrivere, nei commenti, teorie e diagnosi mediche sul fatto che questa cosa possa essere dovuta a problemi neuronali, tumori al cervello e cose del genere, che ci manca solo che divento ipocondriaco. Sto benissimo, mi sono fatto gli esami e non ho niente.

Queste, fondamentalmente sono le mie maggiori paure. La paura della Madonna che mi appaia di notte e mi doni le stigmati magari ve la racconto un’altra volta.

Intanto, se volete dirmi di cosa avete paura voi a me fa piacere.

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"