Vittima Degli Eventi

Comincio subito con il chiedervi scusa se sto postando un po’ poco, ma in questi giorni sono preso e non ho il tempo di vedere né scrivere niente. Sono affranto da questa cosa.

Però, ieri sono riuscito a ritagliarmi 50 minuti per vedere l’attesissimo Vittima Degli Eventi, il fan film su Dylan Dog che, per mille ragioni, ha una grossa importanza nel panorama cine-televisivo italiano. Anche se è uscito solo sul web.

Andiamo con ordine.

Cos’è Vittima Degli Eventi? È un film tutto amatoriale, fino a un certo punto, senza fine di lucro, finanziato con il crowfounding, cioè esclusivamente grazie ai soldi dei fan di Dylan Dog e che è stato distribuito in modo gratuito su internet.

La Sergio Bonelli Editore ha avvallato il progetto, con l’unica richiesta di togliere dal titolo il nome Dylan Dog. Non è un vezzo, o chissà cosa, il problema è che il nome, il personaggio e tutto il mondo di DyD appartengono a una casa di produzione americana che ha già mandato nelle sale un obbrobrio dal titolo Dylan Dog, film entrato a pieno titolo nell’ignominiosa rubrica de La Nota Marrone.

Dietro Vittima Degli Eventi, oltre ai fan finanziatori, ci sono persone note nel mondo del web, che si sono ritagliate un loro spazio su Youtube, come Claudio di Biagio e Luca Vecchi, nonché il famoso The Jackall che ha distribuito il film sul suo canale.

Vittima Degli Eventi - Dylan Dog_2

Avrà l’accento romano, ma è meglio di Brandon Routh, Giuda Ballerino!

Vittima Degli Eventi dura solo 50 minuti ed è un’avventura di Dylan Dog che sembra uscita direttamente dal fumetto. Non per altro, ma perché nel film ci sono quante più cose possibili dell’universo dylaniato. Non è un film perfetto, non è un capolavoro, a tratti è palese la natura amatoriale del progetto sia nella recitazione che nella parte più tecnica, ma è il film che Dylan Dog non è mai riuscito ad avere e, in quei pochi minuti, si mangia il film con Brandon Routh in un boccone.

Non è noioso, come ho letto in giro, anche se il ritmo è un po’ blando, ma come in molti numeri del fumetto, d’altronde il budget non permette certo scene d’azione hollywoodiane o chissà cosa. Gli effetti speciali sono più che dignitosi e, a tratti, stupiscono e nel complesso non si nota il basso budget per la realizzazione. Scenografie, costumi, personaggi e tutto quello che volete, sono riprodotti con una fedeltà quasi maniacale. La regia nel complesso è buona, con alcune idee davvero buone e alcune ingenuità.

Vittima Degli Eventi - Dylan Dog, Madame Trelkowsky e Groucho

Vedo… vedo… che spaccheremo il culo ai passeri, con ‘sto film

Sul fronte attoriale, Dylan Dog, interpretato da Valerio Di Benedetto, ha uno spiccato accento romano che mi ha fatto un po’ storcere il naso, almeno all’inizio. Però Luca Vecchi nei panni di Groucho rende molto bene e un paio di di battute sono davvero azzeccate. Poi c’è la partecipazione straordinaria, si dice così, di Alessandro Haber, nei panni dell’ispettore Bloch, e di Milena Vukotic che interpreta Madame Trelkowsky.

E, porca miseria, Vittima Degli Eventi non ha niente da invidiare a qualsiasi episodio pilota di una qualche fiction con la Ferilli e Garko. Quelle fatte dai, così detti, professionisti. L’atmosfera sembra presa di peso dal fumetto e rende molto bene, purtroppo le “frasi celebri” e i “modi di dire” celebri del fumetto, per loro natura, in bocca agli attori rendono un po’ meno, ma riescono comunque a strappare un sorriso nostalgico. Almeno è l’effetto che hanno fatto a me. E mi è piaciuta davvero tanto la citazione di Golconda.

Golconda

Certo, non è un film da distribuire al cinema, però non sarebbe affatto male come prima puntata di una miniserie televisiva.

Ed è qui che Vittima Degli Eventi comincia ad acquisire importanza. Nel complesso la gente coinvolta è davvero brava, pecca di inesperienza e, soprattutto, di soldi, ma sono persone a cui darei più di una possibilità per fare qualcosa di loro, se non al cinema, almeno in televisione. A mio modestissimo parere, non possono fare peggio di quello che già la Tv generalista ci propina. Tutta roba che non guarderei nemmeno sotto tortura.

Vittima Degli Eventi - Groucho, Dylan e Bloch

Ce l’abbiamo fatta ad avere un film decente, Old Boy…

Il web, in Italia come nel resto del mondo, è una fucina di cavalli di razza che devono solo essere presi e portati in Tv, per cominciare a farsi le ossa seriamente, e da lì aver la possibilità di poter saltare nel cinema. La qualità avrebbe solo da giovarne.

Vittima Degli Eventi mi auguro che sia solo il primo di una lunga serie di esperimenti, come già succede per le web series, e che dia il LA a una ondata di di talenti con idee fresche e nuove.

Ripeto, non è un film perfetto, né un’opera trascendentale, ma è un risultato eccellente per un qualcosa che è nato ed è stato sviluppato solo ed esclusivamente per passione. Sarò forse retorico, però quando vedo questi progetti che vanno in porto, con questi risultati, mi rendo conto che di quanto la Tv sia sopravvalutata e di quanto internet abbia ancora di buono. Se non altro, dà una possibilità a tutti di risaltare e farsi vedere mettendo in scena le proprie abilità.

Vittima Degli Eventi vi consiglio di vederlo, soprattutto se siete appassionati di Dylan Dog, dura solo 50 minuti e non è affatto tempo sprecato, anzi, per una volta c’è davvero qualcosa di buono da vedere.

Il film ve lo linko direttamente in fondo al post.

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"