Clown

Sabato, non avendo voglia di stare a casa, sono andato al cinema.

Visto il meraviglioso tempo di Milano, anche il resto della popolazione ha deciso di fare come me e il cinema era un carnaio di bambini, genitori, ragazzetti, corpi contorti e cassieri incapaci di gestire la situazione. Tanto ormai il cinema è un ombrello.

Nel marasma più totale ho scelto Clown, un po’ perché mi sembra in linea con il blog, un po’ perché avevo voglia di horror.

Ecco, il film è così bello, che mi è venuta voglia di scrivere una lettera al regista e al produttore.

Caro Eli Roth e caro Jon Watts,

Come state? Spero bene.

Vi scrivo perché sabato sono andato a vedere il vostro film: Clown. Ero in una sala gremita di Figli Speciali di Gesù. Avete presente quelli che vanno a vedere gli horror solo per fare gli scemi? Sì, esatto, proprio quei ragazzini che decretano il successo delle vostre pellicole. Pensate che ne avevo due seduti accanto che, appena è iniziato il film, hanno cominciato a urlare come due facoceri feriti. Mi è bastato guardarli e dir loro “Ragazzi. Basta!” per metterli a cuccia.

Ma non è questo il problema. Anzi, dopo un po’ anche tutti gli altri presenti si sono zittiti, tramortiti dal vostro film.

Voglio essere onesto con voi, la prima metà di Clown è di una noia imbarazzante, la seconda metà è una puttanata ignobile. Senza offesa, eh?!

Clown - Pulcinella

Il costume da Pulcinella mi sta stretto!

Dai. Eli, lo sappiamo tutti, è il classico Segreto di Pulcinella, se non fossi pappa&ciccia con Quentin, ora saresti uno dei registi più affermati di filmini di battesimi e matrimoni. Ok, il primo Hostel non era nemmeno malaccio, ma per il resto non è che tu abbia prodotto proprio film imprescindibili.

Però, vabbè, sei famoso e ti metti a lanciare pupilli come un contadino che semina il campo, sperando che attecchisca qualcosa. Ora hai lanciato il buon Jon Watts che, con tutto il rispetto, non è che sia proprio un fulmine di guerra, né in scrittura, né in regia. Hai presente la classica frase: “Il ragazzo è intelligente, ma non si impegna?

Ecco, lascia stare “l’intelligente” e tieni solo il “non si impegna”.

Com’è possibile fare un film horror su un Clown che non spaventa?

I Clown sono spaventosi di natura, cribbio!

Pennywise

Cojoni!

Guarda Pennywise di Stephen King! Non dico il film per la tv, che era una cosa ridicola, ma il libro. Quel monumento all’orrore e alla paura, il cui centro gravitazionale era proprio un Clown. Poi, son d’accordo, le ultime 200 pagine rovinano quanto costruito nelle prime 1000, ma questo è un altro discorso.

Cribbio, It doveva darvi la giusta direzione da prendere per un film sui Clown!

Pure Ronald McDonald è spaventoso!

Ronald McDonald

Prendi un Hamburger….

I Clown sono nati per spaventare. Fanno così impressione che hanno pure una fobia tutta loro, la Coulrofobia. Voglio dire, Freddy Krueger, Jason, Leather Face, la Mummia, l’Uomo Lupo e tutti i mostrazzi che vi vengono in mente, non hanno fobie a loro dedicate. I Clown, pur non essendo mostri, invece sì! Pure Johnny Depp è coulrofobico… sarà per questo che fa personaggi pagliaccosi allo sfinimento? Per me sublima così…

E giocatevela ‘sta cosa, invece di impastarvi in un costume demoniaco spaventoso come fare l’Ice Buckett Challenge con l’acqua tiepida che, al massimo, ti bagni i capelli.

Volete davvero sapere cosa fa paura? Vi faccio solo un nome: Joh Wayne Gacy, altrimenti noto come Pogo il Clown.

Gacy dirigeva 3 ristoranti della KFC, faceva il Clown alle feste dei bambini e, tra il ’72 e il ’78, ha violentato e ucciso 33 persone, tra giovani e adulti, seppellendone ben 27 nel giardino dietro casa. Vi metto la sua foto.

Pogo il Clown

Paragonatela un po’ a quella del protagonista di Clown e ditemi quale fa più paura.

Clown - Il Clown

Ovviamente la moglie di Gacy non si è accorta di nulla, ma si sa, la moglie è sempre l’ultima a sapere le cose. Gacy alla fine è morto nel 1994 per iniezione letale, salutando il mondo con: “Kiss my ass!

Ecco, Eli e Jon, a me Pogo Il Clown fa cagare addosso. Lui è un mostro davvero spaventoso, non il vostro demonietto cattivo in un film che sembra scritto da un bambino di 7 anni con problemi di apprendimento.

Facciamo i seri, mi dovete 6 euro, almeno si fosse visto un po’ di sangue e di massacro, invece l’unica cosa massacrata è la carriera di Peter Stormare.

Saluti, MrChreddy.

 

 

 

Tutti i film di cui ho parlato:

Nerdcensioni

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"