Fast And Furious 7

Il week end scorso ha segnato due grandi eventi: sono tornato al cinema a vedere un film e sono andato a vederlo in Sala Energia all’Arcadia.

A essere sincero non so cosa mi sia mancato di più, se andare al cinema o se era l’Arcadia di Melzo, con quel profumo di pop-corn, il dinosauro gigante e le sale epiche.

Comunque quale film migliore di Fast & Furious 7 per questo ritorno? Tanti, ma non potendo decidere io, mi sono accontentato di quello che davano in Sala Energia.

Non che l’ultimo capitolo dei tamarri a quattro ruote mi sia dispiaciuto, anzi, mi sono divertito un casino. Almeno finché non hanno provato a farmi piangere.

I fan della saga di Fast & Furious si dividono in due: da una parte chi apprezza il fatto che i film siano diventati degli action a tutto tondo con le macchine e dall’altra chi non si rassegna al fatto che abbiano abbandonato le corse automobilistiche clandestine in favore di trame a più ampio respiro.

Anche perché, siamo seri, le corse clandestine sono un argomento che si esaurisce in fretta e, seconda cosa, se si preme sempre su quel tasto sai che due palle? Infatti la saga di F&F non aveva più niente da dire al terzo capitolo, che poi cronologicamente si pone tra il 6 e il 7. Però arrivare a esaurire le idee al terzo film è già tanto, visto che Need For Speed ha esaurito l’interesse dopo circa cinque minuti dall’inizio del film. E sempre di gare clandestine con auto tamarre truccate si parlava.

Per fortuna Fast & Furious 4 ha cambiato le carte in tavola e ha dato una svolta spostando l’attenzione dalle corse all’action puro a base di macchine elaborate, velocità e tamarri in canotta che bevono pisciazza di gatto Corona. Insomma, hanno mantenuto il buono e scartato quello che non aveva più niente da dire, dando nuova linfa alla serie.

I capitoli migliori della saga sono sicuramente il quinto e il sesto. Ma anche Fast & Furious 7 non è affatto male in quanto a puro divertimento, adrenalina e scene action. E, a mio personalissimo avviso, sarebbe stato un miracolo se già fosse stato guardabile, visti gli enormi problemi durante le riprese che, a momenti, facevano chiudere la produzione prima di completare il film.

Fast And Furious 7 - Paul Walker

Cioè… hai presente la sfiga?

Come sapete, Paul Walker, ironia della sorte, è morto in un incidente stradale mentre andava a fare beneficenza. Una tragedia, non tanto per il cinema, ma umanamente parlando. La Universal e la troupe erano pronti a chiudere baracca e burattini e ad andare a casa, ma alla fine, visti anche gli enormi investimenti, hanno deciso di continuare, modificare in corsa la sceneggiatura, assoldare i fratelli i Paul come body double, metterci un po’ di computer grafica e portare a casa il film.

Fast & Furious 7 è un film un po’ raffazzonato e con qualche buco di sceneggiatura. Per esempio, a un certo punto Dwayne “The Rock” Johnson sparisce dal film e torna nel finale con una scena che ricorda tanto Terminator 2. Forse è dovuto allo stop delle riprese e agli impegni precedenti di The Rock che si sono accavallati.

Fast And Furious 7 - Dwayne The Rock Johnson

Non mi sto pompando, mi si sta rimpicciolendo la testa…

Personalmente sono stato molto contento dell’inserimento di Tony Jaa nel cast. È poco più di un cameo, ma può essere un inizio per portare questo attore a Hollywood, anche se, sinceramente, non credo che verrà mai sfruttato bene come lo è stato in Thailandia.

Comunque James Wan alla fine il film è riuscito a finirlo in modo più che dignitoso. Ad essere sincero ero curioso di vedere cosa sarebbe stato capace di fare Wan con Fast & Furious 7, visto che non aveva mai diretto un film action, ma solo film horror di successo al botteghino. Mi immaginavo portiere che cigolavano, rumori sinistri dentro le macchine e carburatori posseduti, invece dimostra di avere occhio e fantasia per le scene d’azione.

Fast And Furious 7 - Tony Jaa

Ghe sun anca mi… (in thailandese “Ci sono anche io…”)

Certo, in Fast & Furious 7 la veridicità delle scene e la fisica non servono, ma è stupido lamentarsi e fare i grandi dicendo che questo o quello sono cose impossibili, alla fine è un film di puro intrattenimento in cui ci sono personaggi che usano macchinoni elaborati anche per andare al cesso e, con la scusa della Famiglia, si lanciano in imprese al limite dell’umana concezione. Bisogna essere complici ed essere pronti a chiudere un occhio, o meglio, a spegnere il cervello per quelle due ore e un quarto per godersi lo spettacolo.

Fast And Furious 7 - La Famiglia

Pronti per la cena di Natale?

Certo, Fast & Furious 7 non è all’altezza dei due capitoli precedenti, però è un signor settimo capitolo e sfido chiunque a fare qualcosa di interessante al settimo film che parla di tamarri appassionati di macchine elaborate. E pare che il pubblico apprezzi, facendogli incassare ben 400 milioni di dollari in un solo week end. Speculando si potrebbe dire che è tutto dovuto alla morbosità per la morte di Paul Walker, ma alla fine che importa? Se un film è brutto la gente non va a vederlo e non incassa tanto, è che alla fine è così, noi del pubblico ormai ci sentiamo tutti un po’ parte della Famiglia di Toretto. Anche perché i produttori hanno inserito un tributo a Paul alla fine del film che qualche lacrima la spreme fuori. Ma la cosa più commovente l’ha fatta Vin Diesel chiamando la figlia appena nata Paulette in ricordo del suo amico. E forse la Famiglia del film non è solo sullo schermo.

 

 

Tutti i film della saga di Fast & Furious:

La saga di Fast And Furious tra donne, motori, tamarri e dolori

Fast And Furious 6, il più furious di tutta la serie

Tutti i film di cui ho parlato:

Nerdcensioni

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"