Inside Out

Per me è davvero raro, ultimamente, uscire dal cinema con il rammarico di non essere più negli anni ’80, quando pagavi un biglietto e potevi vedere un film due volte di fila rimanendo in sala.

Certo, negli anni ’80 vedersi lo stesso film due volte di seguito era la norma, oggi invece è l’eccezione.

A pensarci bene, negli ultimi anni, sono stati pochissimi i casi in cui mi sarei fermato in sala per rivedere subito un film. Mi ricordo che mi è capitato con Mad Max: Fury Road, che son tornato a rivedere al cinema dopo due giorni; mi è successo con il primo Avengers e con… boh, non me ne vengono in mente altri.

Ora è successo di nuovo con Inside Out, il nuovo film della Pixar che, a vedere il trailer e a conoscere l’argomento, non mi ispirava per niente.

La cosa veramente strana è che, pur adorando la Pixar, gli ultimi film mi avevano talmente deluso che non credevo di poter vedere un film all’altezza dei loro vecchi.

Cars 2

Bambini! Presto ci sono nuove macchine da volere assolutamente! Dite ai papà di uscire il portafoglio che qui non si scherza un cazzo!

Siamo sinceri, Cars 2 era un film insopportabile, fatto solo ed esclusivamente per aggiungere macchinine da vendere ai bambini, visto che il primo Cars aveva incassato molto di più con il merchandise che non con il film al cinema.

Ribelle - The Brave

Ogni riccio un capriccio… e un film brutto!

Poi c’era stato Ribelle – The Brave che a me aveva fatto abbastanza schifo, ma che altri avevano apprezzato. Probabilmente non ero io in target, non essendo una ragazzina di sedici anni che litiga con sua madre. Sedici anni non li ho da un pezzo.

Monster University

Siam qui per farvi ridere, con nostro Monster show…

Infine Monster University che, come dicevo in quel post, segnava un lento risveglio della Pixar ed è un film che, in larga parte, è salvato da una genuina comicità. Tolta quella, non è un granché.

Ma dov’era finita la Pixar di un tempo, che riusciva a fare film leggibili su più piani, capaci di incantare i bambini e toccare gli adulti? Forse nel gorgo economico dell’Industria Disney che pretende sequel, franchise e merchandise per incassare un sacco di soldi a ogni film che esce.

Quindi era più che lecito pensare che Inside Out continuasse su quel binario monetario e offrisse personaggi commerciabili, lacrimucce facili e un film leggero leggero che se soffi sullo schermo sparisce.

Invece no, Inside Out dimostra che la Pixar ci sa ancora fare ed è, non due spanne, ma un chilometro sopra la Dreamworks e compagnia bella.

Inside Out - Emozioni

Concorrenti, rosicate, non riuscirete mai a fare film così se tenete il portafoglio in mano quando scrivete…

Badate bene che non uso spesso queste parole, Inside Out è un film da vedere assolutamente, un capolavoro, un film meraviglioso, una perla rara che ti fa dispiacere di veder partire i titoli di coda e non ti fa venire voglia di uscire dal cinema.

Inside Out ha più livelli di lettura, colpisce i bambini con i colori e la classica avventura piena di personaggi e situazioni bizzarre, ma arriva potente come un pugno nello stomaco ai ragazzi, agli adulti e ai genitori. Colpisce a 360 gradi in modo potente e senza scampo.

Fa riflettere su di noi e sui figli. Ci fa capire cosa succede con le nostre emozioni e quanto dobbiamo essere grati di provare, senza vergognarci, Paura, Disgusto, RabbiaTristezza oltre alla Gioia. Rappresenta in modo facile cosa succede in quel difficile periodo di trasformazione da bambini ad adolescenti problematici.

Inside Out - Cast

Ok, mancano Disprezzo e Stupore, ma sono dentro Disgusto e Gioia e comunque… che meraviglia!

Inside Out è un trattato di psicoanalisi che avrebbe fatto venire un’erezione persino a Freud e, se riuscissimo a introiettare le cose che vediamo nel film, ci potrebbe far risparmiare un sacco di soldi di analista.

È palese che Pete Docter, il regista che è stato coadiuvato da Ronaldo Del Carmen, ha vissuto sulla sua pelle, probabilmente con sua figlia, quello che ha portato sullo schermo.

Inside Out commuove e fa pensare, la Pixar è tornata grande e mi ha fatto venire una voglia assurda di vedere il nuovo Il Viaggio Di Arlo, anche se mi ispira come un calcio sui denti, a partire dalla caratterizzazione grafica sui generis dei personaggi.

Non spendo parole sulla resa grafica di Inside Out perché sarebbe come dire che Michelangelo ha disegnato bene sulla Cappella Sistina. Invece vorrei parlare del corto che precede Inside Out: Lava.

Lava - Pixar

Lavati di mezzo e facci vedere Inside Out

Come da tradizione, ogni film Pixar Inside Out ha un corto che lo precede. Tradizione che ora hanno copiato tutti, ma vabbè, è solo un riconoscimento del genio.

Lava è un cortometraggio che oserei definire terribile. Il peggior corto che la Pixar ha sfornato fino a ora. Persino peggio de L’Ombrello Blu che non ricordo nemmeno prima di che film fosse.

Ora mi accuserete di essere poco romantico, dal cuore di pietra e di non capire la poesia insita in Lava.

Possibile che la poesia me l’abbiano fatta passare i 40 minuti abbondanti di pubblicità dell’UCI prima del film, che per 10 euro e 20 di biglietto secondo me sono pure pochi, io farei 4 ore di pubblicità e poi il film per quel prezzo. Dicevo, è possibile che il romanticismo io l’abbia perso per strada, ma Lava l’ho trovato insopportabile, letteralmente.

Lava

Sono Giovanni Caccamo e sono qui per straziarti le palle con una canzoncina con l’ukulele snervante

A partire dalla canzone, suonata con l’Ukulele sulle tonalità della Nota Marrone, e cantata dalla fastidiosa voce di tale Giovanni Caccamo, probabilmente discendente del Caccamo di Mai Dire Gol. Probabilmente in lingua originale è una perla di rara bellezza quella canzone, ma in italiano riesce a toccare i nervi come nemmeno una suocera incarognita strafatta di crack.

Certo, visivamente e graficamente Lava è stupendo, non si riesce a capire se sono immagini in CGI o riprese dal vivo, ma per il resto: storia, canzone, idea e messa in scena, è un corto aberrante, inutile, poco ispirato e che fa venire voglia di entrare in sala dopo i suoi 7 minuti di durata. Se siete all’UCI calcolate i 40 minuti di pubblicità e entrate 47 minuti dopo l’orario di inizio indicato.

Lava - Malika Ayane

Sono Malika Ayane e sono qui per straziarti lo sfintere completando questa Nota Marrone

Fate conto che, grazie a Lava, quando è iniziato Inside Out avevo voglia di scappare dal cinema e darmi fuoco nel parcheggio… eppure, Inside Out mi ha rimesso in pace col mondo… e con me stesso.

Devo tornare a vederlo! Devo!

 

 

Post correlati:

Pixar, la storia di come ha rivoluzionato l’animazione

“Ribelle – The Brave” quando la Pixar non sembra più lei

Monster University, il lento risveglio della Pixar

Tutti i film di cui ho parlato:

Nerdcensioni

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"