Un sabato sera per caso al Q-Zar Lasergame

Del lasergame ne ho sempre sentito parlare, l’ho visto nei film e nei telefilm, Barney Stinson ci gioca e sembrava “Legend…wait for it…dary!”, ma non ho mai avuto modo di andare… fino a sabato sera.

Un mio collega, Fabio, mi ha invitato alla partitona mensile che fa con i suoi amici, al Q-Zar di Legnano, ho accettato senza pensarci nemmeno un momento e ci sono andato.

Il posto si presenta bene, un baretto sulla destra con i viveri di prima necessità: Coca Cola, acqua, qualche toast, caffè… ma niente latte, a me che piace il caffè corretto latte freddo me lo son bevuto senza niente… ma va bene così.

Di fronte all’entrata c’è il bancone dove iscriversi e pagare. La partita costa 10 €, 3 € la tesserina annuale, il tutto per una intensa e più che sufficiente mezz’oretta di gioco.

Età media dei clienti intorno ai 20 anni. Mi viene il sospetto che ci faranno un culo a cappello di prete…

Ci troviamo con Fabio e i suoi amici, di cui, per una mia idiosincrasia verso i nomi, non me ne ricordo uno. Provo timidamente a chiedere se c’è una strategia di squadra, ma tutti mi guardano e sorridono, senza rispondere… vedrò.
La saracinesca da garage, accanto al bancone dello staff, si apre e ci fanno entrare. Il nostro gruppo è composto da 11, l’altro, di giovani, perfetti sconosciuti, invece è da 12… oh cazzi nostri, che ne abbiamo uno in meno. So già che perderemo amaramente.
Un ragazzo dello staff ci raduna, ci spiega le regole del gioco, i punteggi, come si indossa la pettorina, come si tiene il fucile, quali sono le zone del corpo “colpibili” con il raggio laser, che i fucili sono sensibili, che parlano e ci dicono quando ricaricare, che bisogna prendere la base dell’avversario, come prenderla e altre cose basilari da sapere per giocare. Poi ci spiega le regole di comportamento, che non si tirano calci, che non ci si sdraia o rotola per terra, altrimenti si muore calpestati, che non si mira tenendo il fucile vicino alla faccia, che non si usano le mosse di karate. A rincarare il tutto, con quel minimo di terrorismo psicologico per farcele osservare, ci dice che un ragazzo “prima” si è spaccato la faccia andando a sbattere, ha perso i denti, l’uso delle gambe, i leoni, le cavallette, le innondazioni e cose così.

Entriamo nello spogliatoio, molliamo borse e tutto il resto nei loculi sotto le pettorine, le indossiamo, foto di rito fatta a tutti i gruppi.

Questi non siamo noi, è solo per far capire, la nostra verrà uppata martedì…

Poi entriamo nella “Stanza del Pericolo” degli X-men e i 2 gruppi vengono accompagnati ai rispettivi angoli di ricarica. Lo stanzone è gigantesco, 280 metri quadri, diviso da muri di legno nero con delle finestre nel mezzo, l’interno sembra un labirinto, è buio e illuminato da lampade UV che fanno risaltare il bianco dei vestiti e i segni dipinti sui muri… ecco perché eravamo vestiti tutti da ninja.
Io vedo che i miei compagni, più esperti, ricaricano  e partono. Capisco subito che la tattica adottata è: ognun  per sé e Dio per tutti e spara a tutto ciò che si muove.
All’inizio sono un pochino spaesato, ma poi, dopo aver sbattuto contro 3 muri e 4 spigoli, che grazie a Dio sono protetti da gommapiuma, decido di mettere a frutto tutti gli anni di esperienza ai FPS e Call of Duty e mi butto nella mischia.
Dopo 20 secondi  la sensazione è questa…

Devo dire che ti senti bello carico…

La sala è tutto un intreccio di laser rossi, corro a prendere la base avversaria, vengo colpito, colpisco, gente che corre da tutte parti, il giubbottino vibra, finisco le vite, corro a ricaricare, sudo, mi diverto un casino, gente che urla: “Stanno prendendo la baseeeeeeeeeeeee!!!!”, i vaffa si riempiono l’aria. Gli avversari si appostano vicino alla nostra postazione di ricarica e ci colpiscono appena usciamo, è un massacro da ambo le parti.

Dopo 25 minuti la partita finisce, si passa il fucile alla ricarica e ci si segna il numerino che appare sul display. Usciamo dall’arena, passiamo dal bagno per una rinfrescata veloce, anche se la doccia sarebbe stata meglio e torniamo all’entrata davanti al bancone.

Il display del punteggio segna un drammatico: 11 a 292… siamo scoraggiati, abbiamo fatto solo 11 punti? Cominciamo a ragionare e ci sembra impossibile, si rincorrono supposizioni, che il tabellone abbia fatto il giro e sia ricominciato da 0? Che si sia rotto? Che facciamo davvero schifo?

Finalmente il ragazzo dello staff arriva con i foglietti personali del punteggio e annuncia: “Squadra rossa vs Squadra blu: 1011 a 292!” è un ovazione, gli abbiamo massacrati!

Personalmente sono arrivato 4° della mia squadra, con 13000 e passa punti, 6 basi conquistate, 80 uccisioni, un fottio di colpi sparati, una media di colpi andati a segno ridicola… il mio collega, Fabio, è primo con 31000 e spicci, piazzandosi all’ottavo posto generale del Q-zar… partono pacche, risate, racconti di guerra che sembrano usciti da Salvate il Soldato Ryan.

La serata è stata un divertimento unico, il gioco fantastico e crea dipendenza, bisogna assolutamente fare un’altra squadra e tornare a giocarci il prima possibile, ho già la scimmia addosso!

 

 

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"

Questo articolo è stato pubblicato in Storie di vita da Nerd, Varie e contrassegnato come , , , , , , , , , , , , da MrChreddy . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su MrChreddy

Nato da da padre Vic 20 e madre Amiga 500, è cresciuto negli anni '80 allevato da videogiochi, fumetti e film. La sua mente vaga ancora in quell'universo parallelo, mentre il suo corpo si muove in questo rimpiangendo di aver perso tutti i suoi giocattoli di quando era piccolo. Li avesse ancora, ora sarebbe milionario. Precisino della minkia fino al midollo, non è mai soddisfatto di quello che vede, legge, gioca e trova sempre qualcosa che non va o che si sarebbe potuto fare meglio in tutto quello che gli capita tra le mani. Ha la lingua più veloce del cervello, prima parla poi pensa a quello che dice. Anche ore o giorni dopo. Per fortuna le sue idee e paranoie trovano sfogo su questo blog e non sulle macchine di quelli che hanno rovinato i suoi miti d'infanzia. Spielberg e Lucas tirano un grosso sospiro di sollievo e ringraziano per la nascita di Nerds' Revenge, che non hanno voglia di cambiare macchina ogni settimana.

13 pensieri su “Un sabato sera per caso al Q-Zar Lasergame

  1. Bel resoconto, ero sicura che ti saresti divertito! non sono mai stata al lasergame di legnano ma solo a quello di tradate, dove una partita da 35 minuti costa 15 € (10 € il mercoledì come al cinema – non so perché il mercoledì è la giornata ufficiale degli sconti – ), 10 € quella da 15 minuti… io alla fine di una partita da 35 minuti sono in un bagno di sudore e non sento più le mani che stringono il fucile XD tipo in rigos mortis! da noi non c'è il punto di ricarica, le munizioni sono praticamente infinite, ci sono comunque parecchie modalità diverse che io però essendo n00b non ho ancora provato. Ci sono anche delle "gemme" che hanno un countdown di 15 secondi appena ci passi vicino e se non gli spari in tempo scoppiano e ti tolgono punti, se gli spari prima del conteggio puoi ricevere dei bonus tipo poteri speciali etc. Infine mi sembra strano che lo stanzone sia solo di 280 mq, quello di tradate è 500 mq su due livelli comunicanti (nel senso che si può sparare a quelli sopra o a quelli sotto)… carina l'idea della foto di gruppo da noi non c'è :( e devo dire che il vostro punteggio è decisamente degno di nota :D nell'ultima partita che ho fatto sono arrivata 8° su 17 e ho fatto 89 morti XD un mio amico è arrivato 1° ma la nostra squadra ha succhiato lo stesso XD comunque ultimamente ho ripreso in mano cod :D per fortuna che almeno lì non ho perso la mano!

    • Urka, 500 mq?! Però bella l'idea del multilivello… :D
      In effetti 12 contro 12 era un pochino affollata l'arena di gioco, anche se cmq con tutte le pareti e cose del genere non era difficile raggiungere la base avversaria, se ti muovevi bene.

      Il camperaggio però non paga XD

      Cmq sì, mi son divertito di brutto! Il peggiore degli altri era a -4000 punti XD… anche lì ci sono diverse modalità, ma noi abbiamo giocato a cattura la base, che credo sia quella "standard" le altre le devi richiedere e puoi farle se anche la squadra avversaria è d'accordo, quindi meglio organizzarsi in un unico gruppo da 24 persone….

      E' da riprovare assolutamente al più presto… sono ancora esaltato… appena mettono sul sito la foto di sabato la cambio

      P.S.
      COD succhia XD

  2. ciao anche io ci ho giocato qualche mesetto fa, davvero bello l adrenalina all inizio è tanta XD soprattutto la prima volta. Anche nel mio c erano le mine del caxxo alle quali dovevi sparare ,ma io nn capivo mai che potenziamento mi davano se le colpivo LOL. Il nostro era un approccio più alla MGS con cqc annessi XD. Comunque preferisco andare hai go-kart di Como li ci passerei la vita !!!!

    • Ciao Giga :D

      Anch'io anni fa andavo ai gokart… avevamo trovato un posto dove c'erano quelli elettrici che andavano a 200 all'ora su una pista fatta non per la velocità… dopo essermi quasi rotto la schiena in un incidente con il mio amico ed essermi schiacciato le dita tra il gokart e il guardrail, ho deciso di smettere… :P

      Cmq stiamo già riorganizzando per il lasergame :D

    • lol i potenziamenti escono fuori sullo schermo del fucile XD ma te in che lasergame vai?
      go-kart di como, intendi quelli di montano?? è vicino a casa mia ma non m'è mai venuta la fantasia di provarli, devo rimediare :D

      ps = mrchreddy se eri una chiavica a cod non prendertela col gioco :P oh tra poco esce black cocks 2 m/

  3. si Montano Lucino sono andato 3 volte ,ma è da un bel po che nn ci vado più eravamo sempre in 7-8 persone poi siamo rimasti in due ;( ero sgravato XD sempre sul podio :P

  4. Se ti piace il Laser Game puoi giocare con qualche squadra del gruppo Q.Fun, Loro giocano ogni settimana, fanno tornei nazionali…ecc

      • Non mi sono mai documentata in realtà. Ma il punto è che secondo me il vero divertimento sarebbe farlo con una squadra composta da amici, o quanto meno persone che conosci. Conosco benissimo la mia trasformazione durante i Co-op in locale e sarei curiosa di vedermi in una situazione analoga solo in un contesto analogico :D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.