Guida al Nerd (feat Rubik) 1: Il luogo tipo del Nerd

Venerdì sera. Io e Rubik, come al solito, stiamo ciarlando, quando cadiamo in argomento articolo. Ho un vuoto totale: tante idee, ma non riesco a metterle su carta. Gli espongo il problema, e lui mi propone un’idea fantastica: creare una guida al riconoscimento del Nerd, questo sconosciuto (si fa per dire), divisa in parti.  Questa settimana tratteremo dei luoghi di aggregazione del Nerd.

Nota dell’autrice e del suo schiavo collaboratore: questi articoli sono frutto di un’attenta osservazione dell’ambiente nerdoso e di lunghe, estenuanti e dettagliate discussioni. Si prega perciò, per godere di una migliore lettura, di ascoltare Aria sulla Quarta Corda di Bach reinterpretata dagli Swingle Singers, equivalente alla sigla di Superquark, e di immaginarvi la voce di Piero Angela che vi legge tutte le notizie qui sotto riportate.

Innanzitutto, io e Rubik ci siamo posti la domandona: dove si riuniscono i Nerd? Da questa domanda, e da una attenta analisi delle nostre abitudini antropologica, abbiamo creato questa raccolta di luoghi nerd.

Si possono trovare i Nerd in fumetteria, ovviamente: come escludere il tempio cittadino del fumetto? Non si può, ecco.
Li trovi lì, intenti a curiosare tra gli scaffali, a discutere se sia meglio questo o quel fumetto, Alan Moore o Mark Millar (discussione destinata a protrarsi per decadi), Marvel o DC, anche questo argomento abbastanza ostico, il commesso nuovo o quello vecchio (il commesso è una presenza mistica che fa da mediatore, è fondamentale che vada a genio al Nerd).

Un tipico Nerd in fumetteria si approccia con la mistica figura del Commesso

Si possono scovare Nerd al cinema, soprattutto se è appena uscito un film cult. Attenzione a non confondere il Nerd con il/la fangirl/fanboy: a differenza di quest’ultimo, il Nerd non va in giro travestito da vampiro depresso spalmato di glitter o da simil Apache che alla prima occasione si denuda per mostrare i pettorali villosi (ogni riferimento a film realmente esistente è puramente casuale). Una volta calate le tenebre, se avete bisogno di individuare la posizione di un Nerd, basta concentrarsi attentamente sull’udito (come farebbe un pipistrello Daredevil), e cercare di capire da dove provengono le tipiche frasi: Ma nel libro non era così!, o Il fumetto é molto meglio!. In questo modo potrete trovare l’ubicazione di un Nerd con un’approssimazione di circa 2 metri.

Attenzione: questa NON è una Nerd, bensì una Fandomer impazzita

Si trovano in biblioteca, ad aggirarsi tra alti scaffali, il naso all’insù e gli occhi colmi di cupidigia, più un pizzico di cannella.
Si scovano in libreria, spesso nel reparto fantasy, intenti a guardare con odio un libro a random di Martin, certi che tra quelle righe si nasconderà l’orrenda morte di uno dei loro personaggi preferiti.

Si possono trovare al parco, intenti a leggere un qualche libro che non sia Cinquanta Sfumature di Grigio (Rubik mi sfotte ancora per questo), qualche volta a fare i compiti (i Nerd fanno i compiti, ebbene sì), a riflettere sulla Vita, l’Universo e tutto quanto o a chiedersi quale domanda possa avere come risposta 42.

Si possono incrociare per strada in cerca di una qualche cabina blu misteriosamente apparsa dal nulla. Per non parlare delle normali cabine del telefono, ormai in via d’estinzione: non si sa mai, dentro potresti trovarci Clark che si mette le mutande sopra i pantaloni attillati o l’entrata per il Ministero della Magia.

Rubik aggiunge: i Nerd possono trovarsi in negozi di video games a litigare a suon di insulti, criticando lo spessore degli occhiali altrui e cercando di risolvere diverbi su quale consolle sia meglio tra Play Station e X-Box. Così, tra insulti inimmaginabili, gente paragonata ad Aquaman o a Joffrey, console che volano e buontemponi che affermano che la Wii sia il meglio, i Nerd passano alcune ore del loro tempo.

Ultimo luogo, ormai quasi scomparso dalle mappe stellari, sono le vecchie sale giochi, magari al piano sotterraneo di un qualche altro negozio, dove, a console Sega paragonabili ormai a pezzi d’antiquariato, si sfidano Nerd convinti che, usciti da lì, saranno in grado di sparare a qualunque cosa proprio come Martin Mcfly. E magari anche di trovare una Delorean ad aspettarli.

Insomma, questi i luoghi che io e lui abbiamo individuato, fino ad ora.
Grazie per l’attenzione, la prossima settimana ci dedicheremo allo spinoso argomento del riconoscimento del Nerd in luogo pubblico.
Stay tuned!

 

 

Post correlati:

Guida al Nerd (feat Rubik) 2: i tipi di Nerd

Guida al Nerd (feat Rubik) 3: Trova il Nerd

 

 

 

Trillian Astra

Scritto da: Trillian Astra

Era una ragazza strana. Alla voce "hobby" c'era scritto "autopsie".

4 pensieri su “Guida al Nerd (feat Rubik) 1: Il luogo tipo del Nerd

  1. Ti posso aggiungere anche altri "ameni" luoghi ove scovare dei sani Nerd. Prendi una qualsiasi biblioteca, scuola aperta fino a tardi, centro culturale o sociale oppure negozio specializzato che mette a disposizione dei tavoli, buttaci su una risma di carta e un sacchetto di dadi che vadano oltre a 6 (per i puristi invece non devono andare oltre al 6) e li vedrai spuntare come funghi.. ore e ore a discutere di un avventura in cui se sarai fortunato il tuo alter ego svanirà dopo 20 minuti scarsi e tre dadi lanciati…

    Vogliamo esagerare? dei luoghi sopra citati, mettiamoci plastici, solitamente autocostruiti.. secchiate di dadi da 6 e valige di ogni fattura.. da quelle di cartone alle valigette da idraulico.. e da essere vedrete uscire, trattati come sacre reliquie, dei rotolini da dieci euro sagomati a forma di puppazzetti in plastica e resina (il piombo sta sparendo come le belle canzoni rock)

    a volte dipinte con una cura che rasenta la follia.. e intorno a queste interpretazioni di Presepi moderni potrete trovare fulgidi esempi di bestemmie e imprecazioni che le vostre orecchie non hanno mai sentito.. senza parlare delle interminabili discussioni su regole e regolamenti scritti in maniera dubbiosa che in realtà servono solo a fomentare delle faide interne sanguinarie..

    Ore.. che dico.. settimane a discutere solo usando termini come Forza… Resistenza.. Valore di penetrazione..

    Ho visto cose che voi umani potete solo immaginare.. amicizie di lunga data incrinarsi per un dado che ha fatto 1 nel momento sbagliato.. miniature scagliate con inaudita ferocia dentro armadi allibiti.. oppure visi di pura angoscia quando un opera d'arte dipinta con la pazienza di un michelangelo (e con gli stessi tempi) cade a terra aprendosi in una suddivisione di pezzi non più grossi di un atomo..

    come so tutto questo? provate voi a decidere di essere un residente di una cosa del genere e poi ne riparliamo :D

  2. ho fatto una prova solo ora.. (lo ammetto nel fine settimana il demone divano si è impossessato di me..)

    ho gridato nel box di risposta una serie di "eeeeee" e adesso la finestra si allunga in automatico permettendomi vaneggiamenti in infiniti! :-D

    Ora invece ho trovato un altro piccolo bug.. te lo mando per posta.. sono il tuo incubo.. :D

    Per quanto riguarda la casa dello smilzo sto cercando di ripiegarmi dopo le convulsioni da risata.. mi ricorda l'avventura a casa di un mio amico desaparecidos (nel senso che non so dove sia finito.. non l'ho trovato nemmeno nel cassetto dei calzini spaiati, quindi boh)

    ci trovammo per un progetto per a scuola e a un certo punto ci offrì pane e formaggio coi vermi (specialità sarda)

    declinai non tanto per il mio amore per tali esserini ma per il puro e vero schifo.. se non fosse che poi sti vermi saltavano più di supermario sotto cocaina…

  3. Eclissi, non posso fare a meno di darti ragione riguardo al formaggio coi vermi, essendo mezza sarda ci ho avuto a che fare

    Vogliamo parlare di quando, di notte, uno si alza, apre il frigo per prendere un po' d'acqua e sente dei vari poc poc inquietanti? Sono i vermi. I vermi lottano per uscire. E' una cosa davvero raccapricciante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.