Le serie Tv da qualche anno a questa parte sono diventate la nuova frontiera dell’intrattenimento, spesso scalzando il cinema vero e proprio.

Non so se avete notato, ma la qualità delle ultime serie Tv è aumentata in modo spropositato grazia anche all’interesse del pubblico verso di loro, che ha fatto lievitare anche il budget investito in queste produzioni.

Paradossalmente è più facile vedere qualcosa di nuovo e originale in Tv che al cinema. Mi sono reso conto che spesso mi aspetto molto di più da una serie Tv che da un film… rimango più deluso se una serie non mi piace o va in vacca dopo qualche puntata (o stagione), piuttosto che da un brutto film.

Una parte fondamentale, a mio avviso, delle serie Tv sono le sigle di testa. Ce ne sono di belle, di bellissime, di brutte e di inesistenti.

Così mi è venuta voglia di fare un elenco delle mie sigle preferite, scelte tra i telefilm che seguo.
Lo dico subito, onde evitare inutili e sterili discussioni: è tutto basato sui miei gusti personali e non su dati di fatto, non ho la presunzione di decidere cosa è meglio in termini assoluti.
Nei commenti potete dire la vostra, indicare quelle che sono le vostre preferite, astenersi perditempo e polemici per vocazione.
Cominciano con le posizioni dalla 10 alla 6, domani pubblicherò le prime 5 posizioni.

10. Dottor House

Non credo che questa serie abbia bisogno di presentazioni, in caso avevo già scritto un post su questa che era una delle mie serie Tv preferite.
Sì, era, perché a fronte di 7 stagioni belle, l’ottava è stata un po’ una merda la peggiore. Ma d’altronde House è così, quando ti aspetti il meglio, ricevi il peggio da lui.
La sigla comunque era bella e adatta. Inquietante. Ti faceva capire subito che dovevi stare attento: anche un raffreddore, se preso all’interno di un telefilm come “Dott. House“, poteva avere conseguenze devastanti, quasi mortali.
La sigla, tra l’altro, è stata al centro di un piccolo problema legato ai diritti d’autore. Infatti nella versione originale il tema era “Teardrop” dei Massive Attack, ma per problemi di copyright in Inghilterra, Australia, Portogallo, Spagna, Italia, Israele, Nuova Zelanda ed America Latina la musica è stata cambiata con un riarrangiamento del tema originale chiamato “House” e scritto da Scott Donaldson e Richard Nolan.
Vi metto la sigla con “Teardrop“.

9. Six Feet Under

Non so in quanti conoscono o hanno guadato questa serie Tv. È la storia di una famiglia di beccamorti impresari funebri il cui padre, ironicamente, muore in un incidente d’auto. I due figli maggiori prendono in mano l’azienda di pompe funebri e la portano avanti tra piccoli drammi familiari e personali, storie d’amore andate male, incomprensioni e tutto quello che capita nella vita di tutti i giorni a tutti noi… ma con in più gente in casa che piange i cari estinti che tengono nel laboratorio in cantina.
Ok, se non avete già chiuso il sito potete togliervi le mani dalle balle, la serie è divertente e surreale, vale la pena darle un’occhiata.
Uno dei due fratelli protagonisti, quello gay, è Michael C. Hall, il Dexter Morgan di… uhmmm… “Dexter“.
La sigla è davvero riuscita, mischia una musichetta allegra ad immagini non proprio allegre.
In ogni caso ha fatto scuola, è stata la prima a proporre un montaggio del genere, poi molto imitato da una sacco di serie Tv, ma in modo meno efficace, come ad esempio il ben più famoso “The Walking Dead“.

8. Friday Night Lights

Il sergente Hartman in “Full Metal jacket” diceva: “Io ho sempre saputo che nel Texas ci nascono solo tori e checche, soldato Cowboy! Tu l’aria del toro non ce l’hai neanche un po’ e quindi il cerchio si restringe!“, in realtà nel Texas ci nascono anche giocatori di football. Tanti giocatori di football.
In questo telefilm di tori e checche non se ne vede nemmeno uno, invece di giocatori di football ce ne sono a strafottere e quelli che si vedono di più sono quelli dei Dillon Phanters, la squadra liceale di Dillon che non esiste in Texas.
La sigla ha un andamento lento e malinconico, perfetta per la serie Tv che è lenta e malinconica, ma nel senso buono del termine.
Il telefilm è stato chiuso dopo 5 stagioni, ma il tema della sigla vive nel mio cellulare e lo uso come sveglia la mattina… infatti ora mi sta un po’ sul cazzo questa musica.

7. The Big Bang Theory

Altra serie Tv che non ha certo bisogno di presentazioni.
Ormai quando guardo “The Big Bang Theory” il rito è cantare, stonando completamente, la sigla iniziale e finendo con un bel BANG! urlato, così anche i vicini son contenti.
Ero indeciso all’inizio se metterla in classifica o escluderla, per 3 motivi.
Il primo è che le immagini della sigla non mi fanno impazzire. La canzone dei Barenaked Ladies, intitolata proprio “The Big Bang Thoery“, invece mi piace molto.
Il secondo motivo è che ormai è inflazionatissimo questo telefilm, lo guardano tutti e per questo credono di essere nerd, anche se non sanno nemmeno quando ci sono stati gli anni ’80.
Il terzo è che un po’ TBBT mi ha stancato, non mi diverte più molto come prima.
Poi però ho visto questa versione e ho deciso di inserirla in classifica.

6. Friends

Il telefilm, non ha bisogno di presentazioni, lo conoscono pure i sassi.
La sigla pure. Forse è, addirittura, una delle più famose di sempre.
I membri dei “The Rembrandts“, che suonavano “I’ll Be There For You“, stanno ancora accendendo ceri alla Madonna per essere stati scelti come colonna sonora di questa serie.
La sigla ha fatto storia, se girate un po’ sul tubo non faticherete a trovare una versione “Friends Opening Style” di qualsiasi telefilm o film che abbia fatto successo. Tipo questa versione di “Avengers

Per oggi mi fermo qui, le altre 5 posizioni le vediamo domani o settimana prossima… o mai… chissà.

Intanto se volete iniziare a stilare una vostra classifica delle migliori sigle, o segnalarmi le vostre preferite, fatelo pure, chissà che poi non faccio una classifica con le migliori sigle scelte da voi.

 

Post successivo:

Le 10 migliori sigle delle serie Tv – Parte I

Tutti i MIgliori e i Peggiori 10:

Top and Flop

Scritto da: MrChreddy

"Sono la prova scientifica che si può vivere una vita intera in completa assenza di cervello"